Tu sei qui

MotoGP, Pirro: "sono arrivato alla San Donato senza freni"

"Avevo paura di andare nella ghiaia a quella velocità, così ho frenato con il posteriore e poi ho dato una pinzata da venti bar all’anteriore, che si è bloccato"

MotoGP: Pirro: "sono arrivato alla San Donato senza freni"

E’ stato un problema ai freni, come era stato ipotizzato, a causare il volo di Pirro, venerdì, al Mugello.
Chiamato in diretta telefonica da Guido Meda su Sky Michele ha così raccontato la caduta.

“Ragazzi, vi dico che arrivare alla San Donato senza freni è una esperienza che non auguro a nessuno. Ho giocato un Jolly e spero che non mi ricapiti più. Ero senza freni, così mi sono attaccato a tutto quello che avevo. Avevo paura di andare nella ghiaia a quella velocità, così ho frenato con il posteriore e poi ho dato una pinzata da venti bar all’anteriore, che si è bloccato. E’ stato a quel punto che ho fatto un volo da superman. Da quel momento in poi non ricordo niente. Mi sono risvegliato in ospedale”.

Il tester della Ducati poi ha rivelato un particolare inquietante.

Da quando c’è stato il problema di Lorenzo in Qatar, non so come ma questa cosa si è amplificata tanto. Non so che tipo di materiale avessi su nel momento della caduta, ma ricordo che poco prima mi ero ero dovuto fermare perché. la moto non frenava”.

E’ stato dunque un problema tecnico a causare l’incidente, esaltato dal dosso della San Donato.

“Dovi ha rotto il motore perché lì vai fuori giri nel salto. Con le velocità attuali quel punto è diventato pericoloso. Con le ali la moto resta più attaccata ma perdi velocità e vai più piano”.

Pirro, naturalmente, avrebbe voluto provare a correre.

“Non mi spiegavo perché non lo potessi fare. Poi il dottor Zasa mi ha fatto vedere che avevo un occhio gonfio come una melanzana. E allora ho capito che era meglio di no”.

Poi c’è stato il momento dei saluti ai suoi meccanici che nel suo box avevano esposto il cartello ‘torna presto Michele’.

“Preparate la moto che domani ci vediamo - ha detto loro Pirro, e poi ha aggiunto, per l’ennesima volta - Avrei voluto correre ma purtroppo non me lo hanno fanno fare”.

Articoli che potrebbero interessarti