Tu sei qui

MotoGP, Dovizioso: prove libere più stressanti della gara

"Ho già proposto di cambiare, va bene lo spettacolo ma noi dobbiamo lavorare". Dopo il 6° posto: "non siamo distanti dalle Yamaha"

MotoGP: Dovizioso: prove libere più stressanti della gara

Dopo tutto quello che è successo in questo fine settimana, la seconda fila è un bel risultato”. Dovizioso tira un sospiro di sollievo dopo essere passato dalle Q1 ed essersi difeso in Q2, in una giornata in cui le GP17 hanno sofferto.

Nelle Q1 ho fatto in extremis un giro veramente bello, così bello che non sono riuscito a ripeterlo nelle Q2 - ride - Avevo guidato aggressivo, recuperando gli errori, poi ho provato ad essere più fluido e non ha funzionato”.

La giornata non era iniziata bene…
Sono caduto nelle FP4 per una gomma non perfettamente in temperatura e non sono riuscito a stare nei 10 nelle FP3 per pochi decimi. Con questo regolamento c’è più stress per i piloti nelle prove libere che in qualifica e in gara”.

Infatti tu hai proposto di cambiarlo.
Capisco che con questo sistema ci sia più audience, ma noi non siamo qui solo per fare spettacolo, dobbiamo preparare la gara. Non cerco scuse ed è uguale per tutti, ma spesso ci sono piloti bravi a fare il tempo con gomme nuove che poi spariscono in gara. Sembra che tutto il fine settimana sia un turno di qualifica”.

Nessuno ti ha seguito in questa battaglia?
Avevo già fatto la proposta di utilizzare solo le FP3 per qualificarsi l’anno scorso, ma nessuno mi aveva seguito. Ne ho di nuovo parlato in questa stagione e ho trovato più appoggio. Ne stiamo parlando fra di noi, ma possiamo fare poco se non c’è interesse a cambiare”.

Tornando al GP, cosa ti aspetti per domani?
Sicuramente le Yamaha sono molto competitive ma io non mi sento tanto distante da loro. In qualifica mi è capitato di Vinales e ho visto quanto siano forti sia lui che la Yamaha, fa delle cose speciali. Perdevo soprattutto nelle curve lente, penso lui riuscisse a utilizzare una rapporto superiore al mio. Inoltre anche Marquez e Pedrosa saranno sicuramente competitivi ma, ripeto, non sono distante”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti