Tu sei qui

MotoGP, Di nuovo sotto accusa le ali della Ducati

Capirossi: "Sono pericolose". Un contatto fra Iannone e Marquez in gara riapre la polemica sugli spoiler

Di nuovo sotto accusa le ali della Ducati

Questo fotogramma, ripreso dall'on board camera della Ducati di Andrea Iannone durante il Gran Premio di Argentina è finito sul tavolo della Direzione Gara.

Mostra il contatto fra lo spoiler anteriore sinistro della Ducati e la schiena di Marc Marquez in un momento piuttosto concitato dei primi giri. Il pilota della Honda non se ne è lamentato ma sembra che comunque la sua tuta riportasse i segni del contatto. Non è chiaro, comunque, se l'incontro ravvicinato del terzo tipo abbia causato poi la rottura della telecamera posteriore della Honda dello spagnolo. Resta il fatto che Loris Capirossi ha voluto vederci chiaro.

"Sono andato nel box Ducati per verificare la solidità dello spoiler, mi sono fatto dare una vecchia carena ed effettivamente è impossibile rompere l'ala. Ciò vuol dire che in caso di contatto questa potrebbe effettivamente fare male. Escludo che al momento possano essere proibite, ma è qualcosa di cui parleremo nel futuro. In una collisione possono diventare pericolose".
Si parlerà dunque nuovamente di dimensioni e posizionamento degli spoiler.

Sotto accusa non sono quelli posti in basso, come le ha la Honda. Al contrario quelli posizionati sul cupolini potrebbero cadere sotto la scure del legislatore. Anche se si potrebbe solo rivedere il sistema di fissaggio, che comunque deve essere solido perché a 350 Km/h la spinta che devono sopportare è importante.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti