Tu sei qui

MotoGP, Scoppia il caso Michelin: ritirata una gomma

Esclusi problemi tecnici alla Ducati. Goubert: "forse una pressione bassa, dovremo aspettare"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Dopo l’incidente che ha coinvolto Loris Baz, la pista di Sepang è rimasta chiusa per più di un’ora. Tempo che ha permesso di investigare sui motivi che hanno causato il cedimento della gomma posteriore della Ducati del francese. I tecnici Ducati hanno escluso guasti al motore e verificato l’integrità del cerchio della ruota, quindi la colpa è sicuramente dello pneumatico, anche non sono ancora chiare le cause.

Il pilota di Avintia in quel momento stava utilizzando la copertura A, quella più morbida, e in via precauzionale Michelin ha deciso di ritirarla. Gli uomini di Clermont Ferrand hanno perciò preparato altre gomme per tutti i team prima che la luce verde fosse riaccesa sulla corsia dei box.

Fino a questa mattina i test stavano procedendo nei migliore dei modi - spiega Nicolas Goubert, direttore tecnico della Michelin - Questa mattina c’erano temperature relativamente basse per Sepang, ma i piloti era fiduciosi e stavano segnando tempi veloci. Non c’era nulla di nuovo per quanto riguardava la gomma posteriore, ma Baz è stato protagonista di un incidente sul rettilineo e per fortuna non si è fatto niente. Ora stiamo investigando con la squadra cosa abbia causato il problema. Per il momento non ho delle risposte, spediremo la gomma a Clermont Ferrand per capire se ci sia qualcosa di strano”.

La squadra ha detto che il motore non ha avuto problemi…

Come detto, ci possono essere altri motivi. Usare una bassa pressione di gonfiaggio potrebbe avere causato dei problemi, in questo momento non lo so, o magari c’era qualcosa di strano in quella gomma”.

Che tipo di gomma stava usando Baz in quel momento?

Il tipo che è stato utilizzato ieri per la maggior parte della giornata da tutti i piloti, dai collaudatori nei giorni precedenti e nessuno ha avuto problemi. Anche questa mattina la maggior parte dei piloti la stava usando. Potrebbe essere successo qualcosa legato al setup della moto o alla pressione dello pneumatico, non so esattamente. Per ragioni di sicurezza, in via precauzionale, abbiamo chiesto ai piloti di non usare quel tipo di gomma e di alzare la pressione.

La pressione potrebbe essere stata la causa?

Potrebbe, ma non essendoci sensori di pressione sulla moto è difficile dirlo”.

La gomma di Loris Baz © Friedeman KirnMontava una gomma usata?

Penso che fosse solo al suo 5° o 6° giro, non era sicuramente usurata”.

Sulla gomma si vede un taglio netto, cosa significa?

E’ successo tutto rapidamente, Baz ha detto solo di avere sentito qualcosa di strano ma è difficile dire di più”.

Sei preoccupato?

Bisogna esserlo quando succede qualcosa e non se ne conosce la causa. Per questo abbiamo preso delle contromisure”.

Avete mai riscontrato problemi di blistering su quella gomma?

Sì, ma solo quando veniva utilizzata con pressioni molto basse. La pressione è la chiave per la longevità di una gomma, potrebbe essere una causa”.

Chi decide la pressione delle gomme?

Noi diamo delle raccomandazioni e il valore minimo, poi ogni squadra fa i suoi aggiustamenti. Abbiamo un nostro tecnico, dipende dalla temperatura esterna, dalla pressione esterna ed è facile sbagliare”.

E’ stato un problema inaspettato, cosa vi assicura che non capiterà anche con altri tipi di gomme?

“Alzare la pressione di gonfiaggio ci metterà al riparo da ulteriori problemi. Se il problema è quel tipo particolare di gomma faremo delle modifiche, ma potrebbe essere solo quella singola gomma”.

Quando saprete cosa è successo?

Spediremo le gomme a Clermont Ferrand dove verranno fatte delle analisi chimiche. Ci vorrà un po’ di tempo, forse sapremo tutto per i test di Phillip Island, forse per quelli del Qatar”.

Ci saranno dei problemi per finire questi test?

No, la quantità di pneumatici è sufficiente”.

ASCOLTA L'AUDIO

 

{pb_mediaelmedia=[audio] audio_mp3=[images/ARCHIVIO/2016/Audio/Test_Sepang/goubertbis.mp3]}

GUARDA IL VIDEO

 

 

 

 

 

Categoria: 

Audio: 

Articoli che potrebbero interessarti