Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: Marquez un aiuto? non all'ultimo giro

"Non ho maggiore pressione né paura. A Misano credevo di aver perso, poi ho recuperato"

Giovedì in Malesia. Rossi attacca Marquez in conferenza stampa, facendolo a pezzi a parole mentre il suo diretto rivale resta fuori dalla bagarre. In sintesi, è quello che è successo oggi a Sepang. Questa volta, Lorenzo non è stato sfiorato dalla polemica, e lui si è ben guardato dall’invischiarsi.

“Marquez mi avrebbe aiutato a Phillip Island? Non lo ha fatto di certo all’ultimo giro”, ha risolto la questione con una battuta.

Jorge non è voluto entrare nel ring, preoccupandosi più di se stesso.

“Non sento maggiore pressione in questo momento - ha detto - In questo momento non ho paura e non ho nulla da perdere. A Misano avevo fatto un errore e credevo di avere perso il campionato, ma poi ho recuperato molti punti. Sono sempre stato dietro a Valentino in classifica, ma ora ho la possibilità di vincere”.

Quello che non ha mai fatto a Sepang.

“E’ vero, ma ci sono andato più volte vicino - ha sottolineato - L’anno scorso mi era mancato l’allenamento, mentre ora mi sento in forma. Nel 2010 non volevo rischiare perché pensavo al titolo e sia nel 2013 che nel 2014 sono stato molto competitivo. E’ un po’ quello che è successo con Marquez a Phillip Island fino alla scorsa settimana: era sempre stato veloce anche se non aveva mai vinto”.

Il maiorchino si sente forte, e spera che qualcuno riesca a mettersi fra lui e Rossi.

“Spero che domenica sia la migliore giornata della mia vita e spero che sia lo stesso anche per i piloti di Ducati, Honda e Suzuki, ma leggermente meno di me. Poi spero che sia la peggiore giornata per Valentino”, ha scherzato.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti