Tu sei qui

MotoGP, Andrea Iannone: non mi sono mai arreso

FOTOGALLERY. "Ho pensato di potere vincere. Ho battuto Rossi? in gara penso solo a me stesso"

Neanche un contatto (molto) ravvicinato con un gabbiano è riuscito a fermare Andrea Iannone (in fondo trovate la fotogallery dell’incidente). Il ducatista ha fatto probabilmente la gara più bella da quando corre in MotoGP, lottando ad armi pari con Marquez, Lorenzo e Rossi, non certo dei rivali da poco. Il ducatista nel corpo a corpo si esalta e a Phillip Island ha dato il meglio di sé, conquistando un podio più che meritato.

Il momento più bello è stato il tuo doppio sorpasso su Rossi e Marquez, come hai fatto?

E’ stato incredibile, ho visto che Valentino e Marc erano ai ferri corti e non volevo mettermi fra loro. Sono però arrivati leggermente lunghi e ho avuto spazio per infilarmi. E’ stato un sorpasso non solo bello ma anche fondamentale, perché se non fossi riuscito a passarli probabilmente avrei perso il podio”.

Quanto hai voluto questo risultati?

Lo volevo a tutti i costi, perché arrivavo da due fine settimana in cui ero stato veloce ma poi, per un motivo o per l’altro, non ero riuscito a concretizzare in gara. Qui è stato diverso”.

La Ducati sembrava volare in rettilineo…

Devo ringraziare tutti i ragazzi. La velocità massima in rettilineo mi ha aiutato molto a recuperare quello che perdevo nell’ultima curva”.

Nessuna remora a pensare che avevi a che fare con piloti che si stanno giocando il Mondiale?

In gara devi pensare solo a te stesso e il podio per noi non è un risultato scontato. Anch’io devo guardare alla mia classifica, perché nelle ultime gare Pedrosa mi si è molto avvicinato”.

Quindi non sei pentito di avere battuto l’amico Valentino?

Per nulla, sono contento per il mio risultato. Penso di avere corso la gara più bella della mia vita, ho lottato conto i piloti migliori del mondo”.

Hai pensato di potere vincere?

Sarei riuscito a prendere Jorge, ma non so se sarei riuscito a battere Marquez, era troppo più forte di me in frenata. Purtroppo Valentino e Marc mi hanno superato e non ho concluso il recupero”.

Oggi Lorenzo ti deve ringraziare…

Dopo le qualifiche ci eravamo parlati, gli avevo spiegato che per me partire in prima fila era troppo importante. Penso che ora sia felice”.

Non arrivavi da un momento facile, sul piano dei risultati.

Ma non mi sono mai arreso. Allo stesso tempo ho continuato a pensare di essere forte mettendomi in discussione. Non ho dato colpa alla moto o alla squadra, mi sono confrontato e questo mi ha permesso di tornare a questo livello”.

GUARDA LA FOTOGALLERY

Foto © Alex Farinelli

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti