Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: vittoria e 1° posto nel Mondiale

GARA - Secondo posto per Marquez. Terza piazza per Valentino Rossi

Veni, vidi, Vici. Jorge Lorenzo conclude in maniera trionfale la campagna in Repubblica Ceca. Obiettivo raggiunto: testa del Mondiale conquistata a 211 punti, gli stessi di Valentino Rossi, ma con cinque vittorie contro le tre del compagno di squadra.

Un dominio assoluto, incontrastato. Un copione che sembrava simile a quello di Indianapolis in gara, con Marquez che ha provato a rimanere incollato al maiorchino. Niente da fare, oggi Jorge era semplicemente superiore. Ha vinto alla sua maniera, martellando su di un ritmo insostenibile dall'inizio alla fine.

Una risposta dopo la sconfitta di Indy. Pensata, ricercata, affinata. Lorenzo è Martillo invero, ma con uno stile da fioretto: veloce ed elegante su di un circuito di estrema scorrevolezza.

Eppure la Yamaha non vinceva qui a Brno dal 2010, proprio con Jorge. "Per essere sincero, il sole è uscito rispetto al warm up per la gara, ed ero un poco preoccupato con la scelta dell'anteriore. Ho fatto la scelta giusta, poi ho aperto un certo divario dopo sei giri. Poi era difficile rimanere in sella perchè la moto slittava tanto in accelerazione. Una vittoria importante perchè ora sono in testa al mondiale"

Secondo Marquez dunque, che ha provato fino a pochi giri dal termine a contenere il rivale di Iwata. Ci ha provato Marc, ma ogni volta che provava a rubare quel decimo al giro, Jorge rispondeva in maniera netta e perentoria. "Oggi sapevo che sarebbe stato difficile. Il mio obiettivo era quello di stare davanti a Valentino ed è riuscito. Ho provato a seguire Jorge nei primi giri, ma quando è calata è stato fin troppo difficile. Son riuscito a mantenere la distanza nei confronti di Rossi. Oggi abbiamo fatto il massimo, sono contento per il team"

Fuori dalla partita per la vittoria fin da subito Valentino Rossi. Anzi, fin dalla partenza, dove è rimasto invischiato in una lotta iniziale con Bradley Smith ed il duo Ducati Dovizioso-Iannone. La sensazione però, era che Rossi non aveva proprio la forza per stare con il duo in testa. Una sensazione confermata dallo stesso pilota di Tavullia: "Sinceramente ho scelto la gomma dura, non è stato un errore, non è stata una scelta per essere veloce nel finale, ma solo perchè mi piaceva. Ho perso tempo all'inizio ma non avevo il ritmo. Avevo qualche problema, ho cercato di spingere ma non ne avevo abbastanza per stare con loro".

Ai margini del podio un sempre più costante Andrea Iannone, che a circa metà gara ha regolato Andrea Dovizioso e ha concluso quasi in solitaria. Un Dovizioso che invece sembrava avere qualche problema in più. Bravo e deciso nel difendere la posizione nei confronti di Pedrosa, ma che nulla ha potuto nell'attacco finale del pilota di Sabadel. Un Pedrosa stoico, più forte del dolore alla caviglia e in grado di recuperare una pertenza non felice. Quinto sul traguardo dunque il pilota Honda, davanti proprio a Dovizioso in volata. Settimo Bradley Smith, davanti a Pol Espargaro. Chiudono la top ten Aleix Espargaro e Danilo Petrucci.

CRONACA DI GARA

La scelta delle gomme

Lorenzo: media e media

Marquez: media e dura

Rossi: dura e dura

Pedrosa: media e media

Iannone media dietro (scelta 'obbligata')

Curiosità: per Rossi il record di vittorie a Brno, cinque. La Yamaha non vince dal 2010 con Lorenzo

Tutto è pronto per il via del gran premio di Brno classe Motogp

Partenza valida: ottimo spunto per Lorenzo, ma anche Bradley Smith. Rossi nel panino delle Ducati in quinta posizione. Dovizioso ha fatto una partenza eccellente. Smith è addirittura terzo davanti a Dovi. Il Ducatista si prende la terza piazza. Alla curva cinque Rossi passa Smith e si porta in quarta piazza. Lorenzo e Marquez però sono già un poco distanti. Una gara a due tra i due spagnoli. Rossi punta già Dovizioso. Iannone sulla salita passa Smith e si porta in quinta posizione. All'ultima staccata Dovizioso si difende da Rossi

- 21 giri al termine: Lorenzo ha un decimo pieno su Marquez. Dovizioso è terzo a +1.3 davanti a Rossi e Iannone. Rossi alla curva tre incrocia la traiettoria e prova il sorpasso su Dovizioso ma il ducatista incrocia, esce meglio e rimane terzo. Davanti allungano mentre Rossi sembra bloccato dalla Ducati di Dovizioso. Tra Marquez e Dovizioso già 1.6 secondi. All'ultima curva Rossi non riesce a tentare l'attacco in staccata ma prova con l'incrocio e si porta in terza piazza. La Ducati comunque ha un gran motore

- 20 giri al termine: Lorenzo gira in 1'56.243 e tenta subito la fuga con Marquez che ha mezzo secondo di ritardo. Rossi si trova a 2.6 secondi e prova la rimonta conscio della scelta della dura. Dietro Rossi incollato c'è Dovizioso e Iannone. Rossi però continua a perdere decimi rispetto a Marquez.

- 19 giri al termine: nuovo passaggio di Lorenzo praticamente da record. 1'56.164, ma Marquez fa meglio: 1'56.158. Rossi ora è addirittura a 3.2 secondi. All'ultimo giro ha preso 7 decimi. Caduto intanto De Angelis, rider ok. Dietro, Pedrosa è in lotta con Pol espargaro e Maverick Vinales. Il pilota di Sabadel non è stato autore di una grande partita. All'ultima curva Marquez allunga la frenata ma fa un pò da elastico con Lorenzo

- 18 giri al termine: Marquez da record ancora una volta. 1'56.048. Il campione del mondo sta dando il tutto per tutto per rimanere insieme a Lorenzo. Rossi perde altri quattro decimi di secondo. Dovizioso rimane a mezzo secondo da rossi con Iannone incollato. Caduta anche per Eugene Laverty con rischio di contatto con la moto di Miller alla curva uno. Nel frattempo, dietro Pedrosa si è liberato anche di Pol Espargaro.

- 17 giri al termine: Lorenzo continua a tenere la testa con 2 decimi pieni su Marquez. Rossi è a 4.4 secondi di distacco e gira in 1'56.7: troppo lento per pensare ad un recupero. Si prospetta uno scenario simile ad Indianapolis, ma bisognerà vedere se il finale sarà uguale o diverso.

- 16 giri al termine: Con questo ordine di arrivo, Lorenzo prenderebbe Rossi a 211 punti e sarebbe primo per la differenza di vittoria. Il maiorchino ora guadagna un decimo su Marquez, mentre Rossi si trova a 4.7 secondi di distacco. Pedrosa dietro ha ripreso anche Smith e punta per il sorpasso che varrebbe il sesto posto. Il pilota di Sabadel alla curva nove incrocia la traiettoria e si prende la posizione. Davanti le due Ducati corrono insieme con Dovizioso davanti a Iannone

- 15 giri al termine: 1'56.3. Lorenzo continua a martellare su un ritmo velocissimo. Marquez perde un altro decimo, Rossi mezzo secondo. Il ritardo ora è di 5.5 secondi. Dietro Espargaro è in lotta con Petrucci per l'undicesima piazza. Iannone passa Dovizioso. Lorenzo nel frattempo sembra stia prendendo un pò di margine ulteriore su Marquez

- 14 giri al termine: la supposizione era buona. Il pilota Yamaha ha sul traguardo un vantaggio di 7 decimi pieni su Marquez. Lorenzo sta andando via. A metà giro guadagna un ulteriore decimo. Rossi si trova a 6.3 secondi dalla vetta. Iannone rimane quarto con due decimi di vantaggio su Dovizioso. Pedrosa è sesto a poco meno di due secondi dalle due Ducati.

- 13 giri la termine: il vantaggio di Lorenzo è di 1.1 secondi. La Yamaha di Lorenzo sembra molto più ordinata, più pulita e Lorenzo sta correndo in maniera perfetta, senza la minima sbavatura.

- 12 giri al termine: Lorenzo ha girato in 1'56.5, Marquez ha girato simile ma si trova ora a +1.629, mentre Rossi e le Ducati girano sull'1'57.

- 11 giri al termine: Lorenzo continua a martellare su un ritmo insostenibile. Marquez ora si trova addirittura a 1.8 secondi. Rossi è terzo a 76 secondi mentre Iannone a 9.2 secondi. Le posizioni sono tutte cristallizzate

- 10 giri al termine: per la prima volta Marquez ha ripreso un decimo a Lorenzo. Il maiorchino ha girato in 1'57.0, Marc 1'56.9. Sembra però che sia più Lorenzo ad aver tirato il fiato per un giro, anche perchè in poco più di metà giro ha ripreso 2 decimi, portando il vantaggio a due secondi

- 09 giri al termine: Lorenzo è implacabile. 2.2 secondi di vantaggio. Dietro Rossi si trova a 7.9 secondi, con Iannone quarta a 10.1 e Dovizioso quinto a 11.3. Il forlivese deve stare un pò attento a Pedrosa che si trova a nove decimi

- 08 giri al termine: Marquez ha letteralmente mollato. Tra i due ci sono 2.5 secondi di distacco. Lorenzo è implacabile oggi.

- 07 giri al termine: Con le posizioni davanti cristallizzate, l'unico sussulto lo da Crtuchlow che alla curva 11 va in terra. Anteriore chiuso e caduta. Marquez tiene botta a Jorge, ma guadagna a malapena un decimo, rimanendo però a 2.4 secondi. Pedrosa nel frattempo ha ripreso Andrea Iannone.

- 06 giri al termine: Caduta per Maverick Vinales alla curva 11. Stessa identica modalità di Crutchlow, con l'anteriore che abbandona

- 05 giri al termine: Lorenzo arriva ad un vantaggio di 2.859 secondi su Marquez. Rossi si trova a 8.8 secondi. Iannone, Dovizioso e Pedrosa si trovano insieme. Potrebbe esserci una lotta per la quarta piazza. Settimo è Smith davanti a Pol ed Aleix Espargaro, con Petrucci che chiude la top ten

- 03 giri al termine: 3.5 secondi di vantaggio di Lorenzo su Marquez. Il maiorchino continua a spingere imperterrito. Pedrosa, dopo un attacco a Dovizioso, ha ora sette decimi di ritardo. La causa? Un leggero lungo - quasi tamponamento - del pilota di Sabadel nei confronti dell'italiano all'ultima curva. Pedrosa però non si da per vinto e si riavvicina a 4 decimi su Dovizioso

- 02 giri al termine: Con le prime posizioni cristallizzate, l'unico motivo di interesse è la lotta per il quinto posto tra Dovizioso e Pedrosa. E non si può fare a meno di notare l'accelerazione della Ducati nei confronti di una Honda che recupera però in staccata e percorrenza. Pedrosa prova l'attacco alla curva nove ma senza successo. Dovizioso chiude bene. Alla curva undici Pedrosa si infila ma Dovizioso incrocia e il motore Ducati fa la differenza

- Ultimo giro: Gran bella lotta tra Dovizioso e Pedrosa. Il pilota spagnolo ci prova Pedrosa riesce alla curva nove ma Dovizioso prova in accelerazione a rispondere. Dovizioso intanto risponde ma Pedrosa si reinfila. Lorenzo intanto chiude dominando e vince. Secondo Marquez, terzo Rossi, quarto Iannone quinto Pedrosa davanti a Dovizioso. Lorenzo si prende il primo posto nel mondiale: 211 punti come Rossi ma con più vittorie

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti