Tu sei qui

MotoGP, Tardozzi: Lorenzo si era offerto a Ducati

GPONECAR. "Abbiamo un super motore ma le piste sono fatte anche di curve. Sogno la vittoria a Motegi"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Le strade che portano al circuito di Brno si sono tinte di rosso con la presenza di Davide Tardozzi, team manager di Ducati, sulla GPOneCar. L’ex pilota afferma di non dire mai bugie e infatti non è stato reticente spaziando a 360° su presente, passato e futuro.

Cosa ha detto? Ha incominciato parlando della situazione in cui si trova la GP15 in questo momento.

Nelle prime gare del campionato siamo stati molto competitivi, da Barcellona è iniziata una crisi di risultati che ha fatto pensare che Ducati fosse cambiata - la spiegazione di Tardozzi -  C’è tutta una serie di motivi per questo, i migliori piloti hanno fatto uno step e noi non abbiamo migliorato. Perdere i due litri di benzina non ha influito e i piccoli limiti che abbiamo li conosciamo dall’inizio. Non dimentichiamo che la moto è nuova, abbiamo fatto una rivoluzione”.

Il manager difende i due Andrea.

Abbiamo due piloti che stanno dimostrando di andare forte e Iannone sta sorprendendo tutti per la sua crescita”.

E sui contatti tra Borgo Panigale e Maiorca di inizio anno dice: “il pensierino sulla Ducati lo aveva fatto Lorenzo, non il contrario

Tornando agli sviluppoi tecnici, i piani sono chiari.

Il super motore ce l’abbiamo già e se bastasse quello avremmo già vinto il Mondiale - afferma - Però le piste non sono fatte solo di curve. Per quanto riguarda il telaio, dobbiamo ancora indagare tutte le possibilità di quello attuale”.

I traguardi fissati a novembre non sono stati dimenticati.

La vittoria continua a essere un obiettivo, ce la consapevolezza che che la possiamo e dobbiamo fare. Dove? A Motegi”, lancia la sfida ai rivali giapponesi

Le ultime parole sono sul lato segreto di Gigi Dall’Igna… ma per scoprire la rivelazione dovrete guardare tutto il video qui sotto.

GUARDA IL VIDEO

 


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti