Tu sei qui

Moto3, Kent e Lowes i migliori nel warm up

AGGIORNAMENTO. Fenati tira un calcio ad Ajo: partirà in fondo allo schieramento

I piloti delle classi minori sono stati i primi a saggiare il circuito di Termas de Rio Hondo questa mattina. Le temperature sono più basse di ieri e il meteo non esclude la possibilità di pioggia per le gare. In Moto3 Kent si è ripreso il primo posto dopo avere perso la pole in favore di Oliveira. Antonelli e Fenati si sono riconfermati i migliori dei nostri, chiudendo nella top ten il turno. In Moto2 c’è Simone Corsi nei 10, in un turno comandato da Sam Lowes sia per il giro secco che per il passo mostrato.

MOTO3 – Anche nella classe cadetta c’è incertezza per quanto riguarda la scelta della copertura posteriore. Oggi a Termas de Rio Hondo le temperature sono calate e i piloti hanno approfittato dei 20 minuti di warm up per fare qualche esperimento.

Per quanto riguarda la classifica del turno, è stato Danny Kent con il tempo di 1’49”905, seguito dal compagno di squdra Vazquez a meno di due decimi. Terza un’altra Honda, quella di Jorge Navarro, mentre è quarta la prima KTM, guidata dal poleman Miguel Oliveira, seguito da Niklas Ajo il quale ha avuto un diverbio in pista con Fenati, che l’ha anche redarguito allungando una gamba nella sua direzione.

Un vero e proprio calcio secondo la Direzione di Gara - e le immagini non lasciano molti dubbi - che ha convocato Romano al termine del warm up. Questa volta si è deciso di punire severamente un comportamento antisportivo oltre che pericoloso con 3 punti sulla licenza: significa che Fenati partirà dall'ultima posizione nella gara. Una penalizzazione dovuta non solo al calcio, ma anche al fatto di avere colpito più volte il finlandese e averlo costretto a fermarsi. Addirittura Romano alla fine del turno, mentre tutti i piloti attendevano fermi per provare la partenza, ha spento la moto del rivale costringendolo a tentare di riaccenderla a spinta.

Primo degli italiani è ancora una volta Niccolò Antonelli, 7° a mezzo secondo esatto dal primi, dietro a McPhee e davanti a Vinale e a Romano Fenati, 10° Loi.

Gli altri italiani: 19° Enena Bastianini, 21° Stefano Manzi (davanti a Quartararo),  23° Andrea Migno, 24° Francesco Bagnaia, 28° Matteo Ferrari, 29° Andrea Locatelli, 32° Alessandro Tonucci.

Da segnalare la caduta alla curva 11 di Ana Carrasco, la cui moto ha anche tagliato pericolosamente la pista.

MOTO2 – Nella classe intermedia è stato Sam Lowes sulla Speed Up il più rapido segnando il crono di 1’34”167 e soprattutto mettendo in mostra un tempo di riferimento. Dietro l’inglese si sono piazzati Jonas Folger a un decimo e Sandro Cortese. Quarto Luthi, davanti a Simeon – che sembra avere un buon passo –, Krummenacher, Rabat, Syharin, Simone Corsi (migliore dei nostri) e Nakagami.

Si è messo in mostra Franco Morbidelli, che partirà 22° dopo il contatto in qualifica con Salom che gli ha impedito di migliorare il suo crono. Il pilota di Italtrans ha rimediato ieri una botta alla coscia che però sembra non rallentarlo troppo. L’italiano ha fatto nel corso del turno due entrate al limite del regolamento su Cardus e Shah e ha chiuso 15° davanti a Baldassarri.

Male il poleman Zarco solo 19°.

I TEMPI


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti