Tu sei qui

MotoGP, WUP: ancora Marquez ma Lorenzo non molla

Rossi 4° e Dovizioso 5°. Pol Espargarò in sella e sfiora l'incidente con un auto al rientro ai box

I piloti della MotoGP hanno approfittato dei primi minuti del warm up per provare il cambio moto. Da una parte, perché il meteo per l’orario della gara è molto incerto. Dall’altra parte, perché da questa gara i piloti saranno obbligati a lasciare la moto con cui rientrano nella posizione più vicina ai box e uscire con quella più esterna. Curiosamente, sia Marquez che Rossi hanno avuto qualche intoppo nell’operazione, spegnendo entrambi il motore delle proprie moto.

Una volta terminati gli esperimenti in corsia box, i piloti hanno incominciato a fare sul serio in pista. Marc Marquez si è tolto la soddisfazione di chiudere al primo posto anche l’ultimo turno, facendo segnare il tempo di 2’01”073. Il piccolo diavolo ha anche fatto un piccolo errore alla curva nove, finendo dritto nella ghiaia ma senza cadere.

Alle sue spalle si è piazzato un agguerrito Jorge Lorenzo (a 0”258). Il maiorchino ha iniziato il turno con la gomma dura all’anteriore, per poi passare all’opzione più morbida, mostrando un ottimo passo soprattutto con la prima. Terzo tempo a Dani Pedrosa, a meno di un decimo e mezzo da Jorge e a quattro dal compagno di squadra.

Quarto tempo per Valentino Rossi che sembra essersi avvicinato ai migliori e potere tenere un buon passo. Un miglioramento c’è stato, ma manca ancora qualche decimo per inserirsi nella lotta al podio, su una pista in cui gli spagnoli stanno dominando.

Alle spalle del Dottore un concreto Andrea Dovizioso, che ha preceduto Stefan Bradl e Aleix Espargarò. Buon 8° Hernandez davanti a Smith e alla Ducati Open di Barbera. Solo 18° Alex De Angelis e 20° Danilo Petrucci.

Da segnalare lo stoico Pol Espargarò (14° a 1”726) che, dichiarato idoneo dai medici, ha provato a guidare la sua Yamaha, lamentando comunque dolore nei cambi di direzione.

Lo spagnolo si è preso un grande spavento anche rientrando ai box, quando si è trovato davanti uno degli shuttle che portano i fotografi lungo la pista davanti. L’autista ha infatti tagliato la strada di rientro senza curarsi dell’arrivo del pilota. Un comportamento pericoloso e ingiustificabile, per cui si spera la Direzione Gara prenda immediatamente provvedimenti.

Da segnalare una caduta per Nicky Hayden.

LA CLASSIFICA


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti