Tu sei qui

MotoGP, Marquez ancora Re, tutte le gemme della corona

Con il secondo titolo consecutivo, lo spagnolo continua a riscrivere i libri di storia del motomondiale

Di che cosa è fatto un titolo mondiale? Talento e sacrificio. Gioie e dolori. Nel caso di Marc Marquez, anche di record. Già, perché ogni impresa in pista del giovane spagnolo si traduce spesso sui libri di storia del motociclismo, con diverse pagine da aggiornare. Ecco alcune tappe salienti, gemme da incastonare sulla corona ottenuta a Motegi, dove Marquez ha centrato il quarto in carriera e secondo consecutivo.

– A 21 anni e 237 giorni, Marquez è il più giovane pilota di sempre ad aver vinto due titoli consecutivi in classe regina. Il record precedente apparteneva a Mike Hailwood, che ha colto il secondo titolo consecutivo a 23 anni e 152 giorni nel 1963.

– Marquez è il primo pilota dai tempi di Giacomo Agostini (1970), e l’unico nell’era dei quattro tempi, a vincere le prime dieci gare del campionato. Lo spagnolo è anche il più giovane (e l’unico pilota spagnolo nella storia della top-class) a riuscire nell’impresa (a 21 anni e 174 giorni), ed ha strappato il record sempre ad Hailwood, che aveva 24 anni e 94 giorni quando vinse la decima di dodici gare consecutive nel 1964.

– È l’unico pilota ad aver centrato almeno una pole position ed una vittoria su tutti i circuiti che fanno parte del calendario 2014. Fondamentale, a questo proposito, la vittoria a Jerez, fino a quest’anno circuito tabù per il pilota di Cervera.

– È stato autore di sette pole position consecutive, da Valencia 2013 fino a Mugello 2014. Non succedeva dai tempi di Casey Stoner nel 2008.

– È il primo pilota a vincere sei gare consecutive in classe regina partendo dalla pole position dai tempi di Mick Doohan nel 1997. L’australiano però arrivò a dieci successi consecutivi partendo dalla prima posizione in griglia.

– A Barcellona, ha regalato alla Honda la vittoria numero 100 nell’era dei quattro tempi, iniziata nel 2002. Il computo degli altri costruttori: 81 successi per Yamaha, 31 per Ducati, 1 per Suzuki.

– È il primo pilota Honda a vincere un titolo mondiale a Motegi, pista di casa del marchio giapponese.

Può bastare? Scriveteci QUI!

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti