Tu sei qui

Moto2, FP2: Tito Rabat in fuga a Motegi

Lo spagnolo sfiora il best lap in simulazione gara, poi Zarco e Viñales. Morbidelli undicesimo

Dopo il miglior tempo ex-aequo con Thomas Luthi nella FP1, Tito Rabat non ha lasciato spazio a dubbi nella sessione pomeridiana della Moto2 a Motegi. Lo spagnolo leader in campionato su Kalex ha cambiato marcia nella FP2, aggiudicandosi il turno con un tempo di 1’50.990, circa un secondo più veloce del proprio miglior riferimento precedente e già vicinissimo al best lap di 1'50.886 (P. Espargaró, 2012).

Per Rabat il solito "GP anticipato", con 23 giri consecutivi e nessuna pausa ai box. I cronologici dello spagnolo in simulazione gara sono impressionanti, con un passo di 1’51 e mezzo, mediamente mezzo secondo più rapido dei suoi diretti inseguitori. Unico neo il T4, parziale dove è terzo alle spalle di Viñales e Kallio.

I distacchi, in questo caso, sono ben superiori alla media di categoria: solo sette piloti sono stati in grado di contenere il ritardo entro il secondo, con Johann Zarco (secondo su Caterham a +0.323) e Maverick Viñales (terzo su Kalex, +0.583) sul podio virtuale davanti a Dominique Aegerter, Julian Simon, Thomas Luthi e Mika Kallio.

Chiudono la Top 10 Axel Pons, Sandro Cortese e Takaaki Nakagami, mentre sul fronte Italia è da segnalare l’undicesima posizione di Franco Morbidelli (+1.260), ancora non perfettamente a suo agio con le staccate del tracciato giapponese ma comunque sei decimi più veloce rispetto alla FP1. Per il pilota di Italtrans, la priorità resta il T4, dove accusa oltre mezzo secondo. Più attardati i suoi connazionali, con Mattia Pasini in 19ª posizione (+1.670), Lorenzo Baldassarri in 26ª (+2.147) e Riccardo Russo in 30ª (+2.601) e a corto di personale tecnico.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti