Tu sei qui

MotoGP, Dovizioso: il podio non è impossibile

Primo sul bagnato a Misano: "i test sono un vantaggio". Iannone contro le gomme: "non danno fiducia"

Andrea Dovizioso dopo la prima giornata di libere a Misano è meno cauto del solito. Che la Ducati voli sull’acqua non è certo una novità, ma più importante è che gli avversari abbiano perso tempo per sistemare le moto. Ecco che quindi il forlivese si fa sfuggire che “il podio non è impossibile”. Poi però specifica.

I test possono essere un vantaggio, bisogna vedere quanto sarà grande. I primi quattro su questa pista sono particolarmente rapidi e possono essere veloci anche nella messa a punto. Io spero che ci mettano un po’ di più, dipenderà anche dalle condizioni della pista che troveremo domani. Inserirmi nella lotta per le prime posizioni non sarà facile, ma non siamo lontani”.

Intanto si gode il primo posto, che è una bella iniezione di fiducia.

E’ sempre bello essere davanti a tutti, soprattutto in condizioni così difficili e con un vantaggio di un secondo. Oggi abbiamo fatto un buon lavoro, il grip della pista era molto basso e trovare il limite non era facile. All’ultima uscita abbiamo cambiato la pressione delle gomme e la situazione è migliorata. Potevo essere ancora più veloce, ma non aveva senso rischiare”.

Non è andata altrettanto bene a Iannone, che è incappato in due cadute. In quella del mattino si è procurato anche una brutta botta al piede destro. “E’ un po’ gonfio – dice – ma non mi fa troppo male, ho preso degli antidolorifici. Non dovrebbe essere un limite”. Molto critico invece si è dimostrato sulle gomme.

Ne parlerò in Safety Commission, bisogna trovare una soluzione – dice – Gli pneumatici non lavoravano, con le morbide al pomeriggio c’è stato un lieve miglioramento ma solo al posteriore. All’anteriore non avevo fiducia e sono caduto a moto dritta, ho perso l’anteriore di colpo. Anche l’asfalto non è certo dei migliori”.

L’abruzzese, però, non è del tutto scontento della sua giornata.

Le sensazioni in sella erano buone, e prima di finire in terra giravo forte. Purtroppo non siamo riusciti a fare quei lavori sull’assetto che avevamo in programma, sarà per domani. Spero nell’asciutto e che i test possano aiutarci”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti