Tu sei qui

SBK, A Mercado gara e testa del campionato

A Jerez Savadori è terzo e insegue l'argentino a 5 punti a una gara dalla fine

La vittoria di Leandro Mercado a Jerez vale doppio. L’argentino ha conquistato il secondo successo e si è preso anche la testa della classifica con un vantaggio di cinque punti su Savadori, quando manca solo una gara alla fine del campionato. Per Lorenzo è stata fatale la seconda ripartenza dopo la bandiera rossa. Se al primo via ero scattato davanti a tutti, nel secondo il colpo non gli è riuscito e Mercado è riuscito a controllarlo senza problemi.

Sapevamo che Ducati a gomme finite era superiore – ha spiegato Lorenzo – Questa volta la fortuna non ci ha baciato”. Al settimo cielo, invece, Mercado: “questa gara sprint è andata bene, il team ha lavorato bene e una vittoria ci voleva. Alla fine è stata difficile, la moto scivolava tantissimo ma sono riuscito a mantenere il ritmo fino alla fine”.

LA GARA – Il più pronto alla luce verde è Savadori che transita davanti a tutti alla prima curva. Nello stesso punto D’Annunzio arriva lunghissimo dopo un contatto e finisce a terra. Intanto Lorenzo tenta di scappare seguito da Massei e Mercado. Dietro di loro Lanusse Lussina, Smith, Nemeth , Metcher, Jezek e Sandi.

Al secondo giro una brutta caduta – senza gravi conseguenze – per Nemeth e Metcher con la moto del primo che rimane in mezzo alla curva costringendo i commissari a esporre la bandiera rossa.

Dopo l’interruzione per rimettere in sicurezza la pista, si riparte con una gara sprint di appena 10 giri. Al via – in cui mancano i piloti caduti – questa volta ha la meglio Mercado, seguiti da Smith subito superato da Savadori e poi da Massei.

Lorenzo si attacca subito alla coda della Ducati del rivale e lo supera prima della fine del giro, ma Leandro risponde alla prima curva della seconda tornata. Stessa cosa fa Smith su Massei. Il gruppo di testa è un lungo serpentone con Mercado che tenta lo strappo.

Al terzo giro i primi quattro riescono a mettere un po’ di strada fra sé e gli avversari e Mercado continua a imporre il suo ritmo guadagnando metri su Savadori. Intanto, al quarto giro Lussiana finisce a terra alla seconda curva.

A metà gara, il ritardo di Savadori è superiore al secondo e Smith lo pressa da vicino, mentre Massei ha perso definitivamente contatto. L’attacco del pilota della Honda si concretizza al sesto giro. Indiavolata la lotta per il quinto posto, con Jezek, McFadden, Day e Lanusse.

Gli ultimi giri non riservano nessuna sorpresa, Mercado si va a prendere la seconda vittoria stagionale e la testa della classifica, seguito da Smith, Savadori e Massei. Per il quinto posto la spunta Jezek. Gli altri italiani: 13° Castellarin dopo una bella rimonta, 14° Sandi, 18° Butti.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti