Tu sei qui

Moto3, Miller-VDS: palla in mano agli avvocati

Bartholemy rivendica il precontratto firmato lo scorso anno e porta la contesa in tribunale

L’arrivo di Jack Miller in MotoGP – con la benedizione di Honda – è praticamente certo e sarà il team di Lucio Cecchinello, almeno di colpi di scena dell’ultimo minuto, ad affidargli una Open per il suo debutto. L’australiano continua a fare parlare di sé anche per altri motivi, non proprio sportivi.

A Michel Bartholemy, team manager di Marc VDS, non ha fatto piacere che Miller e il suo manger (Aki Ajo, proprietario anche della squadra Moto3 in cui corre) abbiano considerato al pari di carta straccia il precontratto firmato lo scorso anno e vuole mettere fine alla questione in tribunale.

Jack avrebbe infatti dovuto correre in Moto2 con la squadra belga e ci aveva anche messo la firma, salvo poi cambiare idea. Marc VDS aveva già espresso con una nota il suo punto di vista sulla questione ma dall’altra parte non ha comunque ricevuto risposta.

Che Miller non sarà con loro nel 2015 è ormai certo, ma Bartholemy non ha nessuna intenzione di fare buon viso a cattivo gioco. Carta canta e ora “si occuperanno della cosa gli avvocati”, ha dichiarato le sue intenzioni.

Carta canta e se è vero che i contratti sono fatti per essere rotti – Cal Crutchlow che sarà compagno di squadra di Miller insegna – la loro risoluzione può essere anche costosa. Che la faccenda sia molto nebulosa e non gestita nel migliore dei modi da una delle due parti è chiaro. Ora sarà un giudice a decidere quale abbia ragione.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti