Tu sei qui

Moto3, Fenati e Bagnaia: l'apprendistato è finito

Svelati i colori delle KTM del team Sky VR46. Guareschi: "siamo partiti in quarta divertendoci"

La presentazione della stagione 2014 su Sky è stata anche l’occasione per rivelare le livree ufficiali del team nato dalla collaborazione tra il colosso tv e la VR46 del Valentino nazionale. Romano Fenati e Pecco Bagnaia, insieme al team manager Vittoriano Guareschi, hanno tolto i veli alle KTM. Le moto austriache saranno vestite di un elegante nero, con una striscia blu centrale che le attraversa dal parafango anteriore al codone.

Più che i nuovi colori, però, a tenere banco sono state le incoraggianti prestazioni nei tre test in terra spagnola, che hanno visto i due piloti marchiati Sky costantemente nelle prime posizioni. “Sono contento del lavoro che abbiamo fatto – dice il team manager Vittoriano Guareschi Non solo quello in pista, ma anche nei box. Romano e Pecco si sono adattati velocemente alla squadra. L’importante ora è continuare così, divertendoci, perché le corse non sono solo un lavoro e vanno prese con leggerezza”. Ma con obiettivi importanti: “siamo partiti in quarta e possiamo giocarcela coi migliori”.

Romano Fenati è pronto ad afferrare l’occasione, dopo un anno in cui le soddisfazioni sono mancate. “Mi sento più grande ho 18, l’età della patente per l’auto. Ho già passato lo scritto e nelle prossime settimane avrò la pratica – scherza, prima di ritornare serio – Avere due anni di esperienza nel Mondiale mi fa sentire più tranquillo, so già quello che mi aspetta”.

La KTM è stata come te l’aspettavi vedendola dall’esterno?

“Assolutamente, ha confermato le mie impressioni. Non riesco a fare un confronto con la FTR Honda, è un progetto totalmente diverso, come il suo comportamento”.

I tempi dei test dicono che siete sulla strada giusta.

La cosa più importante è che non abbiamo lavorato per il giro secco, ma per raccogliere dati. Per noi è tutto nuovo e non abbiamo riferimenti. Però i tempi sono venuti, in modo naturale. Però non sono soddisfatto, bisogna essere più veloci”.

C’è qualcosa che non va?

No, semplicemente non sono ancora primo (ride)”.

Chi saranno gli avversari da tenere d’occhio?

Miller, lui è veloce e il team Ajo conosce benissimo la moto. Poi Antonelli e Bagnaia”.

Il primo avversario è il compagno di squadra.

Sapevo che Pecco sarebbe andato forte, non mi ha sorpreso, l’hanno scorso correvamo già insieme. Mi piacerebbe una battaglia tutta italiana, con lui e Antonelli, uno con cui combatto fin dal CIV”.

Quali sono i tuoi obiettivi?

Voglio correre gara per gara”.

Mentre Fenati parla, Francesco Bagnaia lo ascolta attento. Anche per il piemontese le prove spagnolo sono state una bella iniezione di fiducia dopo un debutto difficile in Moto3. “L’anno scorso è stato utile per imparare – spiega – Mi è servito per avere questa opportunità e ora voglio spingere al massimo”.

Cosa è cambiato adesso?

Soprattutto la squadra, non voglio criticare quella precedente, ma i miei attuali tecnici hanno più esperienza, soprattutto sulla moto. Il rapporto con loro è buono e mi piace il metodo di lavoro”.

Quindi il passo avanti te lo hanno fatto fare un insieme di cose.

Sì, direi così. Un anno nel mondiale mi è servito a capire molte cose. Inoltre questi test ci hanno dato molta carica, io più vado forte e più sono felice”.

Quali saranno gli avversari principali?

Miller, Romano, Antonelli e poi mi aspetto Marquez e Rins sulle Honda”.

Cosa vorresti migliorare di te?

Nessuno è perfetto, lo so, andando avanti nella stagione qualche problema verrà fuori, ma voglio fare in modo di risolverlo”.

Hai un obiettivo minimo per questa stagione?

Sì, ma non ve lo dico (ride)”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti