Tu sei qui

MotoGP, Test: Lorenzo piega Rossi in volata

Valencia: Honda ufficiali ai box. Le Ducati si avvicinano guidate da Iannone, quarto

Con il neo-campione Marc Marquez e Dani Pedrosa ai box, le Yamaha ufficiali hanno dominato la prima giornata di prove post-campionato a Valencia. Sia Jorge Lorenzo che Valentino Rossi sono scesi in pista sia con la M1 attuale che con la versione 2014, facendo registrare tempi pressoché identici.

Il maiorchino ha limato ulteriormente i propri riferimenti, fermando il cronometro su 1'31.257, mentre il "Dottore", dopo aver accolto nei box il nuovo capo-tecnico Silvano Galbusera, si è fermato a 93 millesimi dal compagno di squadra, migliorando di circa mezzo secondo rispetto ai tempi di ieri pomeriggio.

In terza posizione, più attardato (+ 0.494), Stefan Bradl ha preceduto un pokerissimo di Ducati comandate da Andrea Iannone (+ 0.668). Il pilota di Vasto, senza novità di rilievo da provare, ha girato circa 1.2 secondi più veloce che in gara in 49 tornate percorse (il record di giornata).

Tempi quasi fotocopia per Andrea Dovizioso (+ 0.686), che ha dato il benvenuto all'interno dei box al nuovo Direttore Corse Gigi Dall'Igna e Cal Crutchlow. Il britannico ha trovato la quattro cilindri di Borgo Panigale leggermente al di sopra delle sue aspettative, fermandosi a + 0.797 dal miglior tempo, tre decimi più veloce di quanto fatto in gara con la M1. Per fare un'esempio, lo scorso anno sul circuito Ricardo Tormo Andrea Dovizioso chiuse le prime prove in sella alla Ducati a + 0.916, anche se le condizioni del tracciato erano sostanzialmente diverse.

Seguono Michele Pirro, sulla Ducati 'lab' (distribuzione dei pesi ulteriormente centralizzata), e Yonny Hernandez sulla D16 "open", staccati rispettivamente di + 1.441 e + 1.488.

Hiroshi Aoyama è stato l'unico a provare la RCV1000R del team Aspar prima di affidarla a Nicky Hayden nei prossimi due giorni, chiudendo in nona posizione (+ 1.763) davanti alla Yamaha di Pol Espargaró (+ 1.930). Distacchi più pesanti per Scott Redding, undicesimo (+ 2.938), a causa di una condizione fisica tutt'altro che ottimale. Oltre ai piloti già citati, ai box anche la coppia del team Forward composta da Colin Edwards ed Aleix Espargaró, così come Bradley Smith ed Alvaro Bautista.

I tempi finali:

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti