Tu sei qui

Mercato SBK: Fabrizio rischia l'esclusione

Un mese per chiudere le iscrizioni. Il romano è a piedi ma vorrebbe Alstare o Althea

Nonostante il campionato sia finito, la Superbike è lungi dall'aver chiuso i battenti per quanto riguarda il mercato piloti. Con diversi team ancora in via di definizione ma poche selle disponibili, l'assioma vuole che ci siano ben più piloti che moto. Tra gli esclusi, almeno per ora, c'è Michel Fabrizio.

Il romano era stato protagonista di un inizio di stagione entusiasmante con l'Aprilia del team Red Devils, imponendosi come riferimento tra i piloti non ufficiali con una striscia di 19 piazzamenti a punti consecutivi (con un terzo posto a Phillip Island ed altre quattro chiusure in Top 5) prima della separazione con l'equipe capitolina e l'approdo in Honda come sostituto dell'infortunato Jonathan Rea. Con la decisione del team Pata di confermare entrambi i piloti ufficiali, Fabrizio è rimasto tuttavia nel limbo del mercato, dal quale stenta a uscire.

Per lui sono stati avviati contatti con Suzuki (che ha ancora una moto libera) ma il suo obiettivo principale rimane un Aprilia, che potrebbe trovare disponibile nel caso Alstare passi con la Casa di Noale dopo il divorzio con Ducati, ma i telefoni in Belgio squillano a vuoto in questi giorni.

Con il termine per le iscrizioni alla classe regina fissato per il primo dicembre, i nodi principali da sciogliere rimangono, oltre ad Alstare, Feel Racing e Althea Racing. L'equipe con base a Crespellano sta ancora aspettando risposte da Ducati, che schiererà un team interno ma potrebbe (anche se pare meno probabile) avvalersi comunque del loro supporto. In caso contrario, Feel Racing è pronta a schierare una BMW "EVO" da affidare a Sylvain Barrier.

Meno chiara la situazione per quanto riguarda l'equipe di Genesio Bevilacqua. Dopo la separazione con Davide Giugliano, miglior privato in classifica e liberato per emigrare nel team ufficiale Ducati, il patron di Althea potrebbe schierare una RSV4 ufficiale (però da destinare a Eugene Laverty) o, più probabilmente, una EVO con il duplice obiettivo di prepararsi in anticipo al 2015 e alleggerire il budget, ma resta da definire con che marca. Per ora Aprilia non sembra infatti troppo interessata alla nuova categoria, come ha confermato Romano Albesiano a Jerez, anche perché il nuovo regolamento fiaccherebbe notevolmente i punti di forza della RSV4.

Poche altre possibilità all'orizzonte. Resta da definire il roster piloti per la squadra BMW EVO che con ogni probabilità schiererà Troy Corser, nelle vesti di team manager, con il supporto di Alpha Racing. Altrimenti c'è il rischio che Fabrizio, a 29 anni, sia costretto ad un anno sabbatico.

"Cercherò un lavoro vero", ha ironizzato il romano a Jerez, mentre il suo manager Alberto Vergani cerca di trovargli una sistemazione che gli consenta di correre senza pensieri e tornare ad alto livello. A poche settimane dalla chiusura dei giochi, il tempo stringe.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti