Tu sei qui

SBK, Jerez: Giugliano guida un poker Aprilia

Q2: Sykes quinto a sei decimi, poi Melandri, Davies e Lanzi

Il secondo turno di qualifiche della SBK a Jerez ha confermato la supremazia mostrata ieri da Aprilia, che piazza tutte e quattro le moto nelle prime posizioni. Al vertice, come già successo nella Q1, c'è Davide Giugliano. Il romano, in grande spolvero in questo finale di stagione e con quotazioni in rapida ascesa nel mercato piloti, ha fermato il cronometro su 1'41.371, migliorando di circa mezzo secondo il best-lap siglato ieri da Toni Elias, ancora secondo sul circuito di casa (+ 0.262).

Le RSV4 ufficiali, a lungo al comando prima dei minuti finali, di Eugene Laverty (+ 0.451) e Sylvain Guintoli (+ 0.541) completano il poker per la Casa di Noale, chiamata però ad una missione quasi impossibile per il titolo piloti, dove il favorito resta Tom Sykes, quinto a 0.652 ma oltre un secondo più veloce rispetto alla Q1 di ieri. Il britannico ha comunque un passo in linea con quello dei primi (1'42 basso), cosa che dovrebbe consentirgli di amministrare il vantaggio in gara.

Al sesto posto (+ 0.664), migliora anche Marco Melandri, limitato dal gonfiore alla caviglia destra ma comunque in grado di inanellare cinque giri sotto 1'43. L'incognita, per il ravennate, rimane principalmente la tenuta sulla lunga distanza.

Seguono Chaz Davies (+ 0.929), Lorenzo Lanzi (+ 1.072, ancora una volta il più veloce su Ducati anche se sulla 1098), Leon Camier e Federico Sandi. Le Panigale ufficiali di Xavi Fores e Ayrton Badovini replicano le posizioni di ieri, fermandosi rispettivamente all'undicesimo e dodicesimo posto. Chiudono la Top 15, qualificandosi alla Superpole, Broc Parkes (wild-card su Yamaha), Michel Fabrizio e Marc Aitchison. Restano esclusi per un decimo Sylvain Barrier, Leon Haslam e Julez Cluzel.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti