Tu sei qui

Mugello: partenza lanciata per Ducati

Guareschi: "Nei test abbiamo capito che setup usare. Buoni risultati a portata"

La Ducati si presenta al Mugello sulla scorta della migliore gara dell'anno a Le Mans, con Dovizioso quarto e beffato da Marquez nelle fasi finali ed Hayden quinto. Certo, la Casa di Borgo Panigale ambisce a risultati più prestigiosi, ma il risultato ottenuto in Francia rappresenta un buon viatico in vista del Gran Premio di casa.

"Non vedo davvero l’ora che arrivi il weekend del Mugello perché è una delle piste più belle del mondo – ha dichiarato Dovizioso, che a Scarperia ha conquistato tre podi consecutivi nelle ultime stagioni – È anche la pista di casa per Ducati e ci saranno sicuramente tantissimi tifosi sugli spalti. Abbiamo già potuto fare dei test qui e quindi siamo preparati, però sarà comunque una gara impegnativa perché la nostra GP13 è sostanzialmente ancora quella con cui abbiamo corso a Le Mans due settimane fa. Nonostante sia una pista difficile, fisica e molto veloce, Al Mugello ho sempre ottenuto dei buoni risultati e credo che anche su questo circuito potremo far bene".

Si fa trasportare dall'onda dell'entusiasmo anche Nicky Hayden, reduce dal miglior piazzamento dai tempi di Sepang 2012 (dove chiuse quarto).

"Siamo tutti molto contenti di correre al Mugello – ha detto "Kentucky Kid" – E’ un circuito stupendo con un’atmosfera unica ed è davvero una delle migliori gare dell’anno, soprattutto per un pilota Ducati. La nostra moto è stata sviluppata su questo circuito, e quindi funziona particolarmente bene qui. Il rettilineo è adatto alla Desmosedici perché si esce molto veloci dalla curva finale, non ci possiamo aspettare miracoli ma credo che potremo far bene".

A rincuorare sia l'americano che "Dovi", l'aver effettuato due giorni di test sul tracciato italiano per portarsi avanti nel lavoro di messa a punto della moto.

"Abbiamo avuto la possibilità di fare dei test qui quindici giorni fa e dunque abbiamo già un’idea del set-up che utilizzeremo – ha dichiarato il team manager Vittoriano GuareschiA giugno è anche possibile che faccia caldo al Mugello, e questa potrebbe essere una variante per noi perché quando abbiamo provato faceva piuttosto fresco. Abbiamo fatto un buon lavoro nei test, sia con Nicky che con Andrea, ed abbiamo raccolto molti dati, anche con i nostri collaudatori, e quindi contiamo davvero di fare una buona gara".

In pista anche il collaudatore Michele Pirro, per la seconda uscita ufficiale con la GP13 "Lab" che aveva già portato in pista a Jerez.

"Sono molto contento perché per me si tratta della seconda wild-card nel team ufficiale, e voglio ancora ringraziare Ducati per l’opportunità che mi viene offerta – le parole del pilota pugliese – Sono reduce da due gare in cui ho dato il massimo, anche se ero un po’ fuori allenamento, e a Le Mans ho fatto un po’ fatica ad adattarmi alla GP13 'normale’ di Spies, che è abbastanza diversa dalla moto ‘laboratorio’. La Ducati ha la sede a meno di un’ora dal Mugello: abbiamo provato molto a lungo qui e quindi sono pronto per la gara. Spero di dare ulteriori indicazioni al mio team e di essere il più vicino possibile ai primi con i miei tempi. Sarebbe un sogno per me ottenere un buon risultato e dimostrare che la moto ha fatto un passo avanti e che la strada intrapresa è quella giusta".

Articoli che potrebbero interessarti