Rossi come Ronaldo: e naturalmente 'The Show Must Go On'

La 'bolla' non protegge, il contagio-zero non esiste. Le precauzione servono solo a proteggere gli interessi economici che il motociclismo, come qualsiasi altro sport, rappresenta. Auguriamoci che si riesca a finire questo tribolato mondiale


Dopo Ronaldo, Valentino. Se il giocatore della Juve è stato trovato positivo prima dell’incontro con la Svezia, mentre si trovava a Lisbona con la sua Nazionale (dopo aver giocato contro la Francia domenica scorsa), oggi Rossi ha ammesso a malincuore di dover saltare i due Gran Premi di Aragon.

Adesso, ovviamente, scatteranno gli accertamenti e, seguendo il protocollo della Dorna tutte le persone che hanno avuto contatti con lui dovranno mettersi in autoisolamento. Ma è una procedura che già conosciamo, perché è costata le due gare di Misano a Jorge Martin che proprio a causa di ciò si trova ora a ben 71 punti dal leader della Moto2, Luca Marini, fratello di Vale. Prima della brutta scoperta era appena a -8 in tandem con Bastianini e dunque assolutamente in lotta per il titolo.

Se Martin era asintomatico, sembra che il pesarese qualche malessere lo avverta e, naturalmente, non essendo il 9 volte iridato in lotta per il titolo visto che la classifica lo vede in undicesima posizione a 50 punti da Quartararo verrebbe da dire che l’unica cosa importante è la salute.

C’è dell’altro, però: questa positività, di un pilota famoso e si suppone controllato dimostra che la famosa (o famigerata) ‘bolla’ serve a poco. Certo, piuttosto che niente è meglio piuttosto, come dicono dalle parti di Rossi, ma la realtà è che lo sport deve accettare questa pandemia come un dato di fatto.

Non esiste una situazione di contagi-zero, bolla o non bolla, certo gli atleti devono essere protetti nell’esercizio della loro professione ed i team e tutto l’ambiente devono fare il possibile per non crear loro situazioni di rischio, ma dobbiamo anche renderci conto che ciò che veramente si protegge non è la salute dei partecipanti, bensì il business.

Perché anche fosse stato in lotta per il mondiale a questo punto la MotoGP sarebbe andata avanti anche senza di lui. Persino se fosse stato in lotta per il decimo titolo!

Quindi diciamocelo chiaramente: ciò che stiamo proteggendo con le tribune vuote, con il paddock vuotato delle sue hospitality che sono la principale attrazione per gli sponsor e, sì, anche con la stampa mondiale a casa a cercare di far vivere la passione attraverso zoom, è l’ordine economico mondiale che nel microcosmo della MotoGP vuol dire le relazioni commerciali fra l’organizzatore del mondiale, le squadre e gli sponsor. Ah: e non dimentichiamoci delle TV che pagano per trasmettere in diretta i Gran Premi.

In tutta questa situazione, però, c’è una cosa che sfugge alla maggior parte dei protagonisti: ed è che per salvaguardare i pretendenti ai titoli iridati, che come ha dimostrato la realtà non sono al sicuro nemmeno così, si condannano, o si mettono in grave difficoltà, altre realtà economiche. Pensiamo ai piccoli team che sono spariti dai radar ed avranno difficoltà a riorganizzarsi.

Per carità: ubi maior minor cessat. Volete una traduzione non letterale? in presenza di colui che possiede più potere ed importanza, chi ne ha di meno perde la propria rilevanza.

Triste. Tremendamente triste, ma vero.

Il rischio reale, però, e lo sa bene Carmelo Ezpeleta, non è perdere Valentino Rossi, ma non poter 'chiudere' il mondiale di MotoGP. Ed il rischio c'è, perché il potere di decretare un nuovo lockdown appartiene agli Stati per i quali non solo la MotoGP, ma tutti gli sport, sono poca cosa. Ed anche qui: ubi maior minor cessat. The Show Must Go On.

Spazi vuoti, per che cosa viviamo?
Luoghi abbandonati, immagino che noi ne sappiano la ragione
Sempre avanti, c’è qualcuno che sappia quel che cerchiamo?
Un altro eroe, un altro irragionevole crimine
Dietro il sipario, nella pantomima
Mantenere la posizione, c’è ancora qualcuno che voglia farlo?
Lo spettacolo deve andare avanti
Lo spettacolo deve andare avanti
Il cuore mi si sta spezzando dentro
Il trucco forse si sta sfaldando
Ma il mio sorriso permane
Qualunque cosa accada, lascio tutto al caso
Un altro crepacuore, un’altra relazione fallita
Sempre avanti, c’è qualcuno che sappia per cosa viviamo?
Immagino ch’io stia imparando, eh, già devo essere più appassionato
Presto sarò ad una svolta, certamente!
Fuori sta albeggiando
Ma dentro al buio anelo di  essere libero
Lo spettacolo deve andare avanti
Lo spettacolo deve andare avanti
Il cuore mi si sta spezzando dentro
Il trucco forse si sta sfaldando
Ma il mio sorriso permane
La mia anima ha i colori delle ali di farfalla
Le favole di ieri s’ingrandiranno ma senza morire mai
So volare amici miei
Lo spettacolo deve andare avanti
Lo spettacolo deve andare avanti
l’affronterò col sorriso
Non mi arrenderò mai
Avanti con lo spettacolo
Sarò la star principale,  esagererò
Devo trovare la volontà di andare avanti
Avanti con lo
Avanti con lo spettacolo
Lo spettacolo deve andare avanti

Dall'album: Innuendo - Queen (Brian May)

 

Articoli che potrebbero interessarti