Tu sei qui

Yamaha, salvate il pilota Lorenzo

Jarvis lo ha già fatto con Rossi. Oggi l'opzione Mir rende difficile il passaggio di Jorge in Suzuki, ma una terza M1 ufficiale è possibile


Yamaha, salvate il pilota Lorenzo

Share


Con i top rider a posto, e da quel dì anche se Dovizioso ha tardato a firmare con Ducati sino a Le Mans c’è un solo pilota veramente interessante ancora libero ed è Jorge Lorenzo.

Inutile stare a girarci attorno, o cercare di sminuire il cinque volte campione del mondo. Il maiorchino è un vincente il cui talento non è assolutamente sminuito dal non esser riuscito a domare la Rossa.

Del resto ci si sono bruciati le penne Melandri (con Stoner al fianco che ha annichilito il suo compagno di squadra più di quanto abbia fatto Dovizioso) e anche Sua Velocità Valentino Rossi, per cui…inutile spenderci troppe parole.

La lista poi di piloti che ci hanno provato senza riuscirci è troppo lunga per riproporvela.

La Ducati non è una moto facile, e smettiamola con l’affermare che quella di oggi è diversa da quella dell’era Stoner.
Casey ci vinceva, Valentino quando ci è salito ha compreso immediatamente che non ne avrebbe cavato un ragno dal buco.

Ovviamente parliamo di anni diversi e di tecnici diversi a svilupparla, Filippo Preziosi e Gigi Dall’Igna sono probabilmente all’antitesi, ma è la filosofia costruttiva quella che conta.
E così come ogni Honda uscita dagli stabilimenti di Tokyo risponde a determinate caratteristiche, così è ogni Ducati. Altrimenti tutti i piloti non sarebbero d'accordo nel dire che va guidata di forza.

Ma torniamo a Jorge Lorenzo, l’illustre assente dal gradino più alto del podio delle ultime due stagioni.
Dove andrà abbandonato Borgo Panigale?

Si diceva che la direzione presa portasse ad Hamamatsu, ma proprio a Le Mans è saltata fuori l’opzione (confermata dai protagonisti) Joan Mir.
Un investimento relativamente sicuro visto che dopo il titolo iridato in Moto3 gli ci sono voluti solo cinque Gran Premi per salire sul podio della Moto2.

Il problema, nel suo caso, è una prelazione a favore di Honda. Ma se l’HRC non dovesse farla valere la sella che è attualmente di Andrea Iannone andrebbe al giovane spagnolo.

Una ipotesi così probabile che il Maniaco ha già sondato la possibilità di Aprilia. Alla quale naturalmente si è già offerto anche Danilo Petrucci, qualora gli fosse preferito Jack Miller e non fosse promosso in prima squadra al fianco di Dovizioso-A questo punto le moto disponibili in team ufficiali sarebbero finite perché rimarrebbero (sulla carta) solo team satellite.

In realtà non è così perché ballano due moto ‘fantasma’, quelle del team Marc VDS, in grande ambascie in questo momento per la risoluzione del rapporto fra il team manager Michael Bartholemy e il miliardario belga Marc van Der Straten.

Attualmente con la Honda Mr. VDS era dato in trattative con Yamaha. Una scelta logica che avrebbe portato in dote Franco Morbidelli.
Cosa accadrebbe, a questo punto se, scuotendosi dal torpore che fin qui sembra averlo avvolto Lin Jarvis vedesse l’opportunità di riportare in Yamaha proprio dear Jorge?

Una terza moto ufficiale è ciò che da tempo fanno Honda e Ducati e sarebbe la scelta giusta. Viste anche certe recenti dichiarazioni di Vinales potrebbe appoggiare lo stesso Ramon Forcada (come fa Ducati con i suoi tecnici in Pramac) nel team, con la solida consapevolezza di avere a disposizione un terzo pilota capace di vincere.

L’operazione, ne siamo certi, avrebbe la benedizione di Carmelo Ezpeleta, che non può permettersi di vedere Marc Marquez spadroneggiare in lungo ed in largo nel suo campionato.
Certo, esistono problemi alla realizzazione di questo obiettivo: Marc van Der Straten ama i giovani e la Moto2 e vorrebbe far salire in classe regina Alex Marquez, ma sinceramente non vediamo i due spagnoli esibire lo stesso peso sulla bilancia.

Detto questo, visto che non ci saranno altre due Suzuki - è dai tempi di Kevin Schwantz che le promettono e non si sono mai viste - e che anche Aprilia non fornirà alcun team satellite, in questo momento ci sono drammaticamente più piloti che moto disponibile.

Qualcuno rimarrà col cerino in mano.
Fosse Jorge Lorenzo sarebbe uno scandalo.

Share


Articoli che potrebbero interessarti