Tu sei qui

SBK, Toprak: “Essere a questo livello con BMW era un qualcosa di impensabile”

“Abbiamo vinto Gara 1, ma ancora non basta, serve un ulteriore sforzo perché oggi la moto si muoveva e con le alte temperature soffriamo. La pole non è stata male, ma io volevo fare 1’31”9”

SBK: Toprak: “Essere a questo livello con BMW era un qualcosa di impensabile”

Toprak Razgatlioglu l’ha fatto un’altra volta. Dopo aver vinto a Barcellona ed Assen, il turco ha lasciato il segno anche in Gara 1 a Misano, conquistando una doppietta al bacio. Giù quindi il cappello di fronte a quanto fatto dal portacolori BMW, mattatore del sabato.

Prima la pole per il giro cancellato di Bulega, poi una vittoria che gli vale in un solo colpo la testa della classifica iridata.

“Sono ovviamente entusiasta per questa giornata – ha detto – all’inizio mi trovavo bene in gara, ma poi la moto ha iniziato a muoversi più del dovuto, come penso a tutti gli altri piloti. Ho dovuto quindi cercare di gestire la situazione senza prendere rischi e portando a termine la manche. Come ho detto voglio vincere tre gare e ne restano ancora due da disputare. Non sarà semplice, perché le Ducati ufficiali sono davvero forti. Inoltre c’era un caldo importante oggi pomeriggio con ben 56° sull’asfalto e il grip va a calare”.

Una cosa è certa: il turco ha mostrato passi avanti da gigante con la tedesca.
“Sono veramente sorpreso perché non pensavo di vincere già al primo anno ed era impensabile essere a questo livello. Siamo però partiti forti e senza il ritiro di Phillip Island avremmo molti più punti in Campionato. Io comunque non penso al Mondiale, ma alla gara singola. Ovviamente dobbiamo lavorare per cercare di migliorare e compiere un ulteriore passo avanti dato che il comportamento della moto è cambiato completamente con l’aumento delle temperature. Proprio per questo ho bisogno di qualcosa di più”

Questa BMW sembra quindi essere sempre più una certezza.
“Penso che la moto potrebbe essere forte su ogni pista. Le prossime piste in calendario saranno favorevoli al mio stile e voglio essere fiducioso, cercando di mostrare un ulteriore potenziale. Domani ci sarà la Sprint e penso che potrò essere più veloce e cercherò di divertirmi”.

Infine una battuta sulla qualifica che gli è valsa la pole a seguito della cancellazione del crono a Bulega per bandiere gialle.
“Il mio sogno era fare 1’31”9 ma va comunque bene (sorride).”

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy