Tu sei qui

SBK, Pole stellare di Toprak a Misano, Bulega beffato è secondo, 5° Bautista

A Nicolò è stato cancellato il tempo a causa delle bandiere gialle e allora la BMW festeggia la pole in Riviera, 3° Gardner seguito da Alex Lowes, 6° Locatelli poi Iannone vittima di una caduta, 11° Bassani poi Petrucci e Gerloff, 15° Rea, 18° Rinaldi, 20° Pirro

SBK: Pole stellare di Toprak a Misano, Bulega beffato è secondo, 5° Bautista

Nicolò Bulega era pronto a festeggiare la sua prima pole in Superbike a Misano grazie al crono di 1'32"221. Una volta arrivato in parco chiuso, ecco l’amara scoperta. La direzione gara ha infatti tolto il tempo al portacolori Aruba, perché realizzato in regime di bandiere gialle.

Una vera e propria doccia fredda per il rookie della top class, che lascia la pole a Toprak (foto Dani Guazzetti). Il turco conquista quindi una pole da record in Riviera grazie al crono record di 1’32”320 mentre Bulega deve accontentarsi del secondo tempo.

A completare la prima fila è una Yamaha, ovvero quella di Remy Gardner, mentre ad aprire la seconda fila la Kawasaki di Alex Lowes con Alvaro Bautista soltanto quinto a 791 millesimi dalla vetta. Dietro lo spagnolo Andrea Locatelli poi la Ducati di Iannone in settimana posizione vittima di una scivolata che gli ha fatto chiudere in anticipo il turno.

Nei primi dieci anche un sorprendente Tito Rabat davanti ad Axel Bassani poi uno stoico Danilo Petrucci tra infiltrazioni e laser per contenere l’infiammazione e il dolore. Delusione totale invece per Rea, addirittura 15° mentre Pirro non va oltre il 19° crono seguito da Rinaldi a cui è stato cancellato il tempo per bandiere gialle.  

11:15 Zampata di Alex Lowes, che porta la Kawasaki in quarta posizione davanti alla Ducati di Bautista. 9° Locatelli, 10° Rinaldi, 13° Bassani, 14° Petrucci, 20° Pirro. 

11:14 Super Bulega: 1'32"221 per il portacolori Aruba, che sigla una pole stellare. Al momento nessuno sembra in grado di contrastarlo. 

11:14 Toprak in pole con il crono di 1'32"320, ma non è finita, perché c'è Bulega all'attacco della pole.

11:13 Finisce a terra anche van der Mark mentre Toprak accende caschi rossi in tutti i settori. 

11:12 Ultimi tre minuti di prove e colpo di scena: caduta per Iannone! Andrea termina a terra. 

Si torna in pista per il secondo run. Ecco i tempi!

Termina qua il primo run, moto ai box per affilare le armi in vista dell'ultimo attacco al tempo

11:08 Bulega-Toprak-Gardner: questi sono i primi tre con Bautista quarto seguito da Iannone, Locatelli e Sam Lowes. 10° Axel Bassani

11:05 Bulega non ci sta ed è primo in 1'32"556 rifilando 153 millesimi a Toprak. Grande risposta da parte del portacolori Aruba. 14° Petrucci poi Pirro, Rabat e Rinaldi. 

11:03 Toprak al comando in 1'32"709. Super crono per il turco, che guarda tutti dall'alto davanti a Gardner con 282 millesimi. 3° Bulega poi Bautista e Iannone

Ci siamo! Parte la Superpole di Misano!

Ultimi aggiustamenti alle moto prima di entrare in pista.

Petrucci si affida alle infiltrazioni e laser per ridurre l'infiammazione e il dolore in vista delle qualifiche.

Comincia a entrare nel vivo il fine settimana della Superbike a Misano, dove alle ore 11 scatterà la lotta per la pole position. Favoriti per la Superpole non possono che essere i due alfieri del team Aruba.it Racing Ducati, Nicolò Bulega e Alvaro Bautista, che hanno replicato la doppietta delle FP2 anche nel turno di prove di questa mattina, dove il nativo di Montecchio Emilia ha preceduto per 11 millesimi il campione spagnolo, grazie al crono di 1’33”114. 

Primi a cercare di mettere loro i bastoni tra le ruote saranno senza dubbio Toprak Razgatlioglu e Andrea Iannone, rispettivamente quinto e quarto nelle FP3 alle spalle di un ottimo Remy Gardner, terzo a due decimi dalla vetta con la R1 del team GRT. L’australiano si sta confermando il riferimento di Casa Yamaha in questo weekend in Riviera, che vede abbastanza in difficoltà Andrea Locatelli e Jonathan Rea, accreditati del 16° e 17° tempo nel terzo turno di libere, dietro alla Ducati di Michael Ruben Rinaldi. 

Un Round particolarmente complesso anche per Danilo Petrucci, al rientro dopo il brutto incidente sofferto ad aprile con la moto da cross. L’alfiere del team Barni sta stringendo i denti per cercare di portare a casa il massimo e ha chiuso le FP3 in 13ª posizione, alle spalle di Axel Bassani.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy