Tu sei qui

Moto3, Alonso vince dopo la bandiera rossa per l' highside di Xabi Zurutuza

Lo spagnolo è rimasto cosciente per tutto il tempo ma ha subito un trauma alla schiena e non ha quindi partecipato alla gara. La gara è poi stata ripresa con 11 giri dalle posizioni in cui si trovavano i piloti al termine del terzo giro

Moto3: Alonso vince dopo la bandiera rossa per l' highside di Xabi Zurutuza

La domenica del Mugello per la moto3 ha subito una brusca interruzione con bandiera rossa al quarto giro a seguito dell'highside di Xabi Zurutuza in cui è rimasto coinvolto anche l'italiano Farioli. Lo spagnolo è rimasto cosciente per tutto il tempo ma ha subito un trauma alla schiena e non ha quindi partecipato alla gara. La gara è poi stata ripresa con 11 giri dalle posizioni in cui si trovavano i piloti al termine del terzo giro.

David Alonso trionfa al Mugello imponendosi sull'olandese del team Husqvarna Collin Veijer, oggi 2°. Il colombiano  del team CFMOTO rimane quindi leader della classifica con 143 punti, a 37 punti di vantaggio da Holgado. Terzo gradino del podio  invece per il giapponese Ryusei Yamanaka del team MT Helmets, dopo aver risalito la classifica dalla tredicesima posizione.

Quarto appena fuori dal podio un altro giapponese, Taiyo Furusato, seguito da Munoz 5°, partito quattordicesimo, e da Ortola 6°, nonostante una caduta all'ultimo giro. L'italiano Luca Lunetta, migliore degli italiani oggi, chiude 7°. Il pilota del team SIC58 non sfrutta la qualifica che lo vedeva sesto alla prima partenza con una media al posteriore. Tredicesimo alla ripartenza dopo l'interruzione per bandiera rossa cambia strategia e monta una morbida, che gli permette di risalire la classifica.

Gli altri italiani: Matteo Bertelle, partito 22°, per il tema Rivacold Snipers chiude 10°. Riccardo Rossi è 13°, Carraro 16°. Gara da dimenticare invece per Filippo Farioli. L'italiano del team SIC58 partiva con un doppio long lap penalty ma viene subito coinvolto nell'highside di Zurutuza. Rientra in gara alla ripartenza dall'ultima posizione, chiude 19°. Sfortuna anche per Stefano Nepa, l'italiano del team Levelup MTA coinvolto nella caduta di Rueda innescata da un contatto di Holgado.

Gara da dimenticare anche per Holgado. Lo spagnolo, ancora secondo in classifica, non sfrutta la partenza dalla seconda fila. Inoltre il doppio long lap ricevuto per il contatto che ha innescato la caduta di Rueda e Nepa lo costringe ad una gara in salita, chiude 14°.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy