Tu sei qui

MotoGP, Pit Beirer: "Marquez e Martin in KTM? Non sono la nostra priorità"

"Noi le superstar le abbiamo già, dobbiamo solo permettergli di esprimersi al massimo. Il futuro della Ducati? Di certo la loro decisione sbloccherà il mercato"

MotoGP: Pit Beirer:

Malgrado il motomondiale si trovi ancora nella prima fase della stagione, il mercato piloti impazza già da qualche settimana. A far chiacchierare il paddock è soprattutto il futuro del team ufficiale Ducati, o meglio chi ci sarà al fianco di Pecco Bagnaia nel 2025. Per adesso i nomi più gettonati sono Jorge Martin o Marc Marquez, gli stessi che voci darebbero vicini anche a KTM.

In occasione dell'appuntamento di Barcellona il responsabile dell'attività racing di KTM Pit Beirer ha chiarito lo stato delle cose, negando qualsiasi approccio e rifacendosi alle indiscrezioni circolate. "Mi è stato domandato se avremmo preso uno dei due e io ho cercato di tirarmi subito fuori dai giochi. Non volevo dare l'impressione di essere quello che poteva ingaggiarli, anche perché non lo ritengo possibile. E in più in quel momento mi sembrava giusto proteggere la nostra  formazione corrente", il pensiero del responsabile della squadra riportato da Crashnet.

L'obiettivo primario è dunque cominciare a raccogliere risultati con i piloti attuali: "Ad oggi il nostro unico interesse è portare i nostri quattro ragazzi al livello di prestazione dei due spagnoli. Vogliamo che ce la faccia Binder e lo stesso vorremmo per Miller e Fernandez. Almeno a questo punto del campionato non vogliamo parlare con nessuno e mettere pressione sull'attuale line-up", ha rimarcato.

Se Brad Binder e Pedro Acosta hanno in essere un contratto a lungo termine, non si può dire lo stesso per Jack e Augusto, che sono per ora senza alcun accordo in vista del 2025. Cosa ne sarà di loro probabilmente dipenderà anche dalla decisione di Borgo Panigale. "Tutti siamo in attesa della loro scelta. Una volta fatta quella, credo che ci sarà un po' di movimento. I manager si daranno un gran da fare e sarà una fase interessante, direi quasi eccitante. Il mio augurio è che ci sia un riequilibrio con tutti i team in grado di schierare almeno una superstar. Noi le abbiamo già", ha concluso la sua riflessione.

 

Articoli che potrebbero interessarti