Tu sei qui

MotoGP, Martin: “Il Mondiale? Pecco è forte, ma lottare con Marquez è più difficile”

“Marc è un otto volte iridato e Pecco un grande campione, io voglio batterli entrambi. Devo però capire come mai fatico così tanto dietro gli altri piloti”

MotoGP: Martin: “Il Mondiale? Pecco è forte, ma lottare con Marquez è più difficile”

Jorge Martin non aveva tante cartucce da sparare nella sprint di Barcellona, di conseguenza si è dovuto accontentare del quarto posto dopo una qualifica che lo ha visto partire settimo. Lo spagnolo ha quindi cercato di contenere il colpo perdendo pochi punti su Marquez e guadagnandoli tra l’altro su Bagnaia, finito a terra.  

“Purtroppo non sono partito bene – ha esordito – per poco non mi toccavo con Rins, infatti mi sono ritrovato decimo alla curva 1. Mi mancava grip, ho dovuto sforzare molto sull’anteriore arrivando subito al limite. Dobbiamo capire perché fatico così tanto dietro gli altri piloti, nonostante avessi ritmo. Tutto sommato ho concluso quarto e vorrei fare meglio domenica”.

Il leader del Mondiale vede il bicchiere mezzo pieno.
“Oggi abbiamo visto che sono successi tanti colpi di scena. Ho quindi preferito arrivare quarto e soffrire piuttosto che spingere e cadere.Domani con la media penso di avere più margine, sperando che la gara sia piu lenta”.

L’attenzione di sposta poi su Bagnaia.
“La caduta di Pecco è molto simile  a quella mia di Jerez. Alla fine ognuno di noi vuole vincere. Penso che i primi sei di oggi hanno tutte le carte per vincere domani”.

A proposito di cadute, anche Jorge è finito a terra in qualifica.  
“La caduta nella Q2 non ha inciso troppo sulla mia gara, anche se partire settimo non è facile. Purtroppo ho chiuso troppo l’angolo e sono volato. Bravo Aleix ad avere vinto, dopo vado a chiedergli un paio di consigli per la gara di domenica (scherza)”. Il passo che ho a disposizione mi mette tra i più forti, per cui nessuna scusa. Per fare un esempio, ad un certo punto della Sprint Race ero davanti ad Aleix che ha poi vinto”

Infine una battuta sulla sfida iridata con Bagnaia e Marquez
“Ci sono tante gare e tutti e due sono fortissimi. Inoltre ci sono poi delle varianti come Acosta, Binder ed Espargarò che oggi ha vinto. Chi temo di più? Marquez è un otto volte iridato ed è più difficile lottare con lui. Anche con Pecco è complicato perché è forte ed è un grande campione. Io voglio ovviamente batterli entrambi”.

Articoli che potrebbero interessarti