Tu sei qui

MotoGP, Morbidelli: "Sto usando l'assetto di Bagnaia, non ho ancora una base mia"

"L'unica base che abbiamo al momento è l'attitudine del team. Siamo tutti gasati e sorpresi da Austin, ci aggrappiamo a questa velocità, è stato un adattamento incoraggiante" Poi sui test del lunedi: "La mia prima vera occasione di lavorare sulla GP24 per trovare una base che ci piace"

MotoGP: Morbidelli:

Per Franco Morbidelli l'appuntamento di Jerez, il quarto sul calendario di stagione, sarà una tappa importante. Già ad Austin il portacolori Pramac aveva intravisto i primi spiragli di luce su di una GP24 con cui aveva girato poco, pochissimo, con un 10° piazzamento nella sprint, risultato che non gli è riuscito di ripetere nell'appuntamento della Domenica. Difficile anche fare previsioni, inutile fare paragoni col passato quando si è seduti sulla moto più competitiva dello schieramento, dati alla mano.

Ciò che è sicuro quindi è che di potenziale a disposizione Franco ne ha eccome, e coi suoi primi veri test il lunedì successivo questo weekend potrebbe davvero rivelarsi il punto di svolta di una stagione iniziata in salita. Su tutto incombe però l'ombra del futuro in Pramac, se non della Pramac stessa: da un lato la necessità del pilota di dimostrare di meritare la propria sella, dall'altro le voci, non confermate, di un possibile passaggio di Pramac alle Yamaha. Morbidelli glissa, "non mi intendo di mercato, il mio lavoro è dare gas".

"Iniziamo questo weekend di Jerez con la fame di migliorare - interviene Franco Morbidelli - vogliamo fare dei passi in avanti da Austin, sia in termini di velocità che di lavoro nel box. Stiamo migliorando sotto tutti gli aspetti e vogliamo farlo in fretta, ma vorrei farlo mantenendo il mio stile calmo, passo dopo passo".

Forse è il weekend col tuo più alto potenziale in carriera.
"Penso di si, abbiamo molto margine di miglioramento ma il potenziale è sicuramente più alto che in passato, non è un segreto. Al momento non ho avuto ancora molto tempo per lavorare su un setup che sia del tutto mio, quindi sto usando quello base di Pecco. Controllo più i suoi dati degli altri perchè ha la mia stessa moto, ed ovviamente è il punto di riferimento in Ducati, ma c'è sempre da adattarsi. Ho a disposizione così tante opzioni al momento che il suo setup è una tra le tante. L'unica vera base che abbiamo al momento è l'attitudine nel team".

Tra le voci che circolano c'è anche la possibilità che in futuro Pramac passi alla Yamaha.
"Non so in futuro cosa potrà succedere, il mio lavoro è di dare gas in pista e crearmi le opportunità di vincere in pista. Di moto mercato non sono un esperto".

Rispetto a pochi mesi fa, nonostante l'aver saltato i test, il passo in avanti c'è stato, il che è positivo in termini di motivazione.
"Siamo tutti gasati e sorpresi, ci aggrappiamo a questa velocità iniziale, a questo adattamento incoraggiante cui stiamo assistendo, da lì in poi c'è da continuare sullo sviluppo. Non so dire in che percentuale io abbia la moto in mano al momento, sicuramente non 100%, non la sento ancora mia del tutto".

Parlando col tuo capotecnico, Massimo Branchini, sembra che il tuo punto di forza siano le frenate, mentre hai difficoltà in uscita di curva.
"E' un qualcosa che forse mi porto dietro dallo stile che avevo in Yamaha, sicuramente frenando così duramente poi mi perdo in uscita, dovrò adattarmi in fretta anche se di per sé non è una cosa interamente negativa, oggi sono tanti i piloti in MotoGP a staccare forte. La staccata è ciò che può fare la differenza e permetterti dei sorpassi in gara, è un aspetto su cui ho lavorato tanto in Yamaha, mentre la Ducati ti permette di essere più conservativo".

Lunedì poi ci saranno i tuoi primi test sulla GP24.
"Ovviamente ora sono concentrato sul fine settimana di gara, vorrei fare quel passo in avanti che mi permetta di stare più avanti in qualifica per poter fare una buona gara. Però si, la giornata di lunedi sarà molto, molto importante perchè sarà la mia prima vera occasione di provare la GP24 in dei test a tutto tondo e lavorare su un setup che ci piace".

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy