Tu sei qui

Moto Guzzi V85 TT 2024: Strada, TT e Travel: instant classic che emoziona

Con le versioni STRADA, TT e TRAVEL ognuno potrà godersi le caratteristiche della fasatura variabile e della nuova potenza da 80 cavalli! La nostra prova in Andalusia. Prezzi da 12.500 euro  

Iscriviti al nostro canale YouTube

di Lello Vaccaro

Strano svegliarsi a febbraio e trovarsi sulla terrazza di un hotel che si affaccia sulla spiaggia, con 20 gradi, sole e gente in mare! Inizia così la giornata che ci vedrà impegnati a bordo della nuova versione della Moto Guzzi V85, che si presenta subito leggera, agile e anche performante. Dovrebbe essere una evoluzione, ma ci sembra quasi di essere su una moto completamente nuova. Così, partiti dall'hotel, iniziamo letteralmente a inseguire i tester francesi, che vanno forte come se avessero appena fatto una rapina.

Le curve incalzano, il ritmo si salza inesorabilmente. In staccata affonda poco, acceleri e senti una bella schiena, l'erogazione è piena e sei quasi ingannato perché gli 80 cv che spingono questa moto sembrano di più, magari grazie al peso in meno sulla bilancia. Facile pensare subito ad un aggettivo: bella. Ecco, questa Guzzi è proprio bella da guidare e ti segue anche quando vuoi spingerti oltre quello che immagineresti essere il suo limite. Non male davvero passare una giornata di febbraio in sella a questa instant classic che di classic ha solo le forme, perché la sostanza è tutta supermoderna. Le emozioni...quelle non hanno età! Non possono essere vintage o moderne, sono emozioni e basta e su questa Guzzi se ne provano davvero tante. 

La strada d'accesso per entrare nel mondo adventouring Moto Guzzi l'ha scelta con la V85, era il 2017 e da allora ad oggi la moto ha già subìto una miriade di interventi in tutti i settori, segno tangibile dell'importanza strategica che questa moto ha nella gamma Guzzi. Per il 2024 tutto cambia su questo modello, resta uguale solo il parafango anteriore ed è per questo che abbiamo definito il progetto come 2.0. Ce ne accorgiamo percorrendo in lungo e largo le strade (bellissime) che circondano le montagne rosse dell'Andalusia, in un inverno che qui è sempre caldo, dall'alto dei suoi 20 gradi.

Partiamo per il giro da 180 km con la versione Travel che ha in dote il massimo dell'equipaggiamento: 4 riding mode più la versione customizzabile, plexiglass più ampio e deflettori laterali, selle e manopole riscaldabili, la piattaforma Moto Guzzi MIA e soprattutto valigie da 37 e 27 litri di volume. Per tutte c'è anche il nuovo TFT da 5'' e rispetto alle versioni Strada e TT, di cui parleremo a breve, la Travel è ben piantata a terra e più stabile, non fosse altro che per un pò di peso in più. 

Moto Guzzi V85 TT: più agile nel misto

Seguirli è facile perchè in effetti la V85 è diventata più agile e veloce nei cambi di direzione, lo abbiamo avvertito tantissimo con la versione STRADA, più snella e leggera rispetto alle sorelle, con i cerchi a razze e sprovvista delle sovrastrutture che invece troviamo sulla TT e sulla TRAVEL. Parliamo dei paramani e del paramotore o della grande piastra posteriore in alluminio. Per questo la Strada è molto più divertente da guidare, ma ci arriviamo tra un attimo. Tantissimo lavoro si è fatto in galleria del vento, dove si è cercato e ottenuto il miglior rendimento possibile per coprire pilota e passeggero. In effetti è proprio così a bordo, con la posizione alta del pleiglass si è quasi interamente protetti.

E' così che si è arrivati a un nuovo disegno di tutto l'anteriore, dei fianchi del serbatoio e della posizione in sella, che nello stesso tempo risulta dentro la moto ma con una presa dominante. I chilometri scorrono via e la Travel, che con la TT condivide i cerchi tubeless a raggi da 19 e 17 pollici, è sempre all'inseguimento dei "rapinatori" francesi. Tra di loro c'è chi ci fa apprezzare di più la Strada e ci invita a scambiarla con la Travel. In effetti le cose cambiano notevolmente sulla versione entry level della V85. La moto diventa più divertente da guidare nel misto. Si inserisce in curva con più rapidità e risponde con più fluidità ai movimenti in sella. Sarà utile anche nell'utilizzo quotidiano ed è per questo che già così è consigliabile proprio a tutti.

Non avrà la regolazione del precarico del mono gestibile col pomello (lo si fa in officina con gli attrezzi) ma si può comunque intervenire sull'assetto della moto, grazie alla forcella regolabile e soprattutto con i 3 riding mode di serie. In più è dotata di controllo di trazione e cruise control, per un prezzo più che accessibile di 12.500 euro.

Moto Guzzi V85TT: nuovo sistema di fasatura variabile

Dal 2019 al 2021, con il primo upgrade del motore, si era passati alla versione Euro 5 con tanto di valvole in titanio, per aumentare il rendimento del bicilindrico a V da 90° di 853 cm3 raffreddato a liquido, ma una nuova soluzione viene introdotta per questa versione Euro 5+ e cioè la fasatura variabile. Una scelta che diversi costruttori stanno adottando negli ultimi tempi e che grazie ad una maggiore alzata delle valvole di aspirazione, rende più corposa la miscela aria-benzina nei cilindri, offrendo prestazioni migliorative soprattutto in termini di erogazione, ora di più qualità. Ne vengono fuori 80 CV di potenza a 7.750 g/min, quindi 4 in più rispetto a prima e soprattutto una curva di coppia più poderosa, che offre il 90% degli 83 Nm già ai 3.500 g/min.

All'interno dei cilindri si sono aggiunti anche i sensori di detonazione, che oltre ad abbattere le emissioni di CO2, hanno reso più morbido e scorrevole tutto il range di utilizzo intermedio, che poi è quello di maggior fruibilità. La trasmissione finale resta ad albero cardano, così come la frizione è ancora a carter secco. Ci vorrebbe solo un sound più corposo e potente ma ormai con le nuove normative tutte le moto (o quasi) sono un pò più mute.

Moto Guzzi V85TT: soluzioni elettroniche

Le 3 versioni della Moto Guzzi V85 sono accomunate dalla presenza del nuovo TFT da 5 pollici, anche con la luce forte del sole che sparava al suo interno, ci dava sempre piena lettura di sè, anche dei parametri indicati in piccolo. Si può entrare al suo interno facilmente soprattutto se si sceglie l’opzione con il riding mode personalizzabile, che a questo punto darà la possibilità di variare tutti i parametri di controllo anche nelle modalità preimpostate. Così si potrà stabilire per ogni riding mode il gusto apporto del controllo trazione, ABS, freno motore e soprattutto la reazione del motore al comando gas, da rendere più o meno intensa.

Nella prova delle diverse versioni una cosa che ci ha molto colpiti è stato l'ottimo lavoro che svolge il traction control, mai troppo invasivo ed efficace quando è servito...ed è servito visto il ritmo alto che i francesi ci hanno imposto. Più volte aprendo il gas in piena curva su alcuni tratti polverosi, ci ha salvato le natiche, visto che la sfida con i transalpini in diversi momenti ci aveva annebiato i sensi. E' stato utile sapere di poter contare sempre sul suo apporto, poi ci siamo tutti un pò calmati e assunto andature più consone alla V85. E' stato allora che si è potuto apprezzare anche il viaggio in sourplasse, qui la moto da il meglio di se e fa venir fuori la sua indole di macinatrice di km senza utilizzare il cambio. In effetti in 5a e 6a marcia riprende bene anche in salita e ti porta fuori soprattutto dal leggero sottocoppia, tutto merito del lavoro che la coppia svolge già dai primi 3.000 giri, il confort e il piacere di guida ringraziano.

Un difetto da far notare è la presenza di un pò di vibrazioni sulle pedane passeggero. E' una prova che facciamo su tutte le moto, quando si riesce durante la guida, collochiamo i piedi dove sono ospitati quelli di chi ci segue a bordo e in effetti è probabile che occorra una gommatura più intensa, per smorzare l'effetto che però arriva a velocità sostenute con i giri motore compresi in un alto range di utilizzo.

Moto Guzzi V85 TT: e in off road?

La vocazione fuoristradistica della TT ci avrebbe spinto volentieri ad affrontare un bel tratto in off road, cosa non prevista nel giro di prova che Moto Guzzi aveva disegnato per noi. Anche per la posizione in sella, che è apparsa fin da subito neutra e con gambe e braccia a comandare tutti i reparti, oltre che ad essere ben coperte dall'aria. Ci si può facilmente alzare sulle pedane per affrontare un pò di sterrato, il controllo sarebbe buono anche grazie ai riser che offrono al manubrio una buona distanza dal pilota. Speriamo che presto possano invitarci a provarla in questo tipo di scenario, dove la V85 non farebbe affatto brutta figura. Magari l’escursione da 170 mm non darà il massimo confort ma nello sterrato non difficile sarà divertente da utilizzare.

Restiamo in attesa dell'invito...

Moto Guzzi V85 TT: prezzi e accessori

La Moto Guzzi V85 propone per le sue 3 versioni diversi prezzi, la STRADA ha un costo di 12.500 euro, la TT 13.500 e la Travel 15.500 euro, prezzi in linea con gli equipaggiamenti scelti per le moto, che sono interamente prodotte in Italia, giusto per ricordarlo! Interessante poi la ricca dotazione after market, con il catalogo di accessori e abbigliamento ufficiale Moto Guzzi consultabile sul sito ufficial.

Articoli che potrebbero interessarti