Tu sei qui

A Parigi, vogliono "fermare" le moto perché... rumorose!

Il consiglio comunale di Parigi, in Francia, starebbe valutando la possibilità di vietare parzialmente l'utilizzo di motocicli e scooter all'interno della città a partire dal febbraio 2024

Moto - News: A Parigi, vogliono "fermare" le moto perché... rumorose!

Share


A volte si ha la sensazione come se alcune catgorie... ce l'avessero a morte con altre categorie. Cerchiamo di non fare polemica, almeno per il momento. La notizia però, è di quelle che non giungono certo nuovo, soprattutto se parliamo dei motociclisti, ed in particolare se siamo... in Francia. I cugine d'Oltralpe tornano nuovamente sull'argomento "rumore". Il consiglio comunale di Parigi starebbe infatti valutando la possibilità di vietare parzialmente l'uso di motocicli e scooter all'interno della città a partire dal febbraio 2024. Sotto accusa, il rumore provocato dai veicoli a due ruote.

Il funzionario parigino Pierre-Yves Bournazel, va dunque contro i veicoli a combustione, visto che moto, scooter e ciclomotori elettrici non sarebbero interessati dalla cosa. Il funzionario, avrebbe individuato in particolare una fascia oraria: divieto di circolazione (vi ricordiamo che parliamo sempre di Parigi) tra le 22.00 e le 7.00. La cosa è in discussione, ma in caso di approvazione, creerebbe non pochi grattacapi, soprattutto a determinate categorie di lavoratori.

Si parla di una iniziale sperimentazione, della durata di un anno, così da monitorare la cosa e valutarne l'effettiva fattibilità. In ogni caso, a sostegno del suo provvedimento, Bournazel ha citato una statistica. Circa l'80% dei parigini si lamenta quotidianamente del rumore. Si è poi tornato a parlare di "radar acustici", che identificherebbero i trasgressori al passaggio per multarli. Ora parliamo delle categorie che con le due ruote... ci lavorano. L'idea di Bournazel? Incentivi doppi per incoraggiare i motociclisti a passare all'elettrico.

La Federazione Francese dei Motociclisti Arrabbiati, come la pensa? Beh, la Fédération Française des Motards en Colère ha già fatto presente che uno dei leader di Ras le Scoot, gruppo che si batte contro le moto in generale, lavora per un'azienda di e-bike e cargo bike... Diciamo che basta far rispettare le regole sulla normale omologazione delle marmitte, per concentrarsi magari su qualcosa di più intel...ressante!

Articoli che potrebbero interessarti