Tu sei qui

SBK, Ecco la R1 GYTR Pro da 160.000 € con cui si allena Valentino Rossi

VIDEO - In compagnia di Andrea Dosoli, ammiriamo il prototipo Superbike col quale Valentino Rossi ha girato di recente a Portimao, Il modello più estremo della casa di Iwata che si avvicina alle moto di Toprak e Locatelli in SBK

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


La  moto utilizzata da Valentino Rossi a Portimao non era una normale Yamaha R1, ma il modello più estremo della Superbike di Iwata: una R1 GYTR Pro. La moto è stata realizzata in un'edizione molto limitata di 25 esemplari e può essere acquistata solo presso GYTR Pro Shops.

Queste R1 sono state create e costruite a mano con precisione certosina per offrire ai propri clienti, o in questo caso al nove volte campione del mondo Valentino Rossi,la massima prestazione possibile.

Le modifiche rispetto alla R1 “standard” sono numerose ed evidenti, a cominciare dal telaio con sospensioni ovviamente affidate alla svedese Öhlins con forcella FGR all'anteriore e mono TTX al posteriore che lavora su un nuovo braccio oscillante sviluppato per il WorldSBK riesce ad offrire più grip al massimo angolo di piega. È cambiato anche l'impianto frenante, ora uguale a quello utilizzato dai piloti ufficiali SBK Yamaha, ovviamente realizzato da Brembo Racing.

Il telaietto posteriore è in carbonio e permette di ospitare, come sulla R1 WorldSBK, sia il serbatoio del carburante per centralizzare le masse, sia l'intero computer affidato a Magneti Marelli con il GYTR PRO Electronic System (GPES), il sistema di controllo elettronico sviluppato da Yamaha Motor Research and Development Europe dallo stesso reparto corse che realizza le Yamaha R1 per il team ufficiale WorldSBK.

Ovviamente per completare il capolavoro di Iwata le carene sono in fibra di carbonio e così altri dettagli come semimanubri, pedane e tutto quello che serve al pilota per adattare al meglio la moto.

Le Yamaha R1 GYTR Pro erano già tutte vendute lo scorso anno ad un prezzo di circa 160mila euro. una cifra importante certamente ma che ha permesso agli appassionati di mettere nel box una moto non troppo lontana da quella con cui hanno corso la scorsa stagione Toprak Razgatlioglu e Andrea Locatelli nel MondialeSBK.

Articoli che potrebbero interessarti