Tu sei qui

Moto2, La Forward Racing si presenta: "L'unico obiettivo è vincere"

La scuderia di Cuzari non cela le proprie ambizioni e ingaggia Forcada. La vedremo in azione anche in MotoE, dove schiererà l'unica donna della serie Maria Herrera e nella Junior GP con Jorge Navarro

Moto2: La Forward Racing si presenta: "L'unico obiettivo è vincere"

Share


Ancora una volta la Forward Racing ha scelto Milano per presentare il proprio programma in pista. Tre saranno i campionati che la vedranno protagonista nel 2024, ovvero la Moto 2, la Moto E e la Junior GP. L’obiettivo è chiaro e ribadito dal patron Giovanni Cuzari, quanto da tutti i responsabili dei diversi progetti. Non si gareggia per partecipare, ma per vincere. Una dichiarazione d’intenti che non lascia spazio a dubbi.

Per raggiungere certe mete, come si sa, è fondamentale avere tra le mani un mezzo competitivo, ma anche l’aspetto umano non è da sottovalutare e così, prima di iniziare a fare sul serio, l’intero gruppo si è ritrovato a Livigno per trascorrere del tempo assieme e diventare una famiglia. In azione dal 2009 la squadra svizzera quest’anno potrà contare sul contribuito di un nuovo title sponsor, la svedese KLINT che ha colorato di azzurro le moto, una tinta non casuale, ma simbolo della Habit Factory che trova la sua base a Stoccolma.

Per quanto riguarda l’impegno nel motomondiale, a difendere i colori del team ci sarà ancora Alex Escring, reduce da un 2023 complicato, costellato di cadute e infortuni. “L’anno scorso avevamo il potenziale, ma ci è mancata la fortuna. Adesso dobbiamo raccogliere i frutti - le sue parole - I test di Valencia sono andati bene. Il telaio è cresciuto e si accorda bene con le gomme Pirelli, che sono ottime”.

Al suo fianco ci sarà il rookie Xavi Artigas, uno che nel recente passato ha saputo dare del filo da torcere a Pedro Acosta. “Trattandosi di una categoria nuova per me dovrò imparare a conoscere la moto e la serie stessa. Il target è di ottenere qualcosa di buono,ma bisogna procedere per gradi”, la sua analisi.

A fare da illustratore del progetto dedicato alle due ruote a batterie, un mostro sacro della tecnica come Ramon Forcada il quale ha ribadito il concetto dell’asticella alta come modo di intendere la competizione. 

A battersi in questo senso ci sarà Andrea Mantovani, entusiasta dell’ambiente trovato in scuderia dopo l’uscita di RNF. “Questa è una disciplina che va capita e anche l’approccio deve essere misurato. I primi test sono previsti a Portimao e io non vedo l’ora”.

Assieme a lui ci sarà l’unica donna della serie, Maria Herrera. La giovane iberica, che nella Moto 3 Junior 2014 si era messa  in mostra oscurando un nome con quello di Fabio Quartararo, potrà contare su una moto più di suo gusto. “A volte con la Energica faticavo, ma la Ducati ci ha fornito delle moto più leggera. Speriamo di ritrovare il piacere di guida e buone sensazioni”.

Per quanto riguarda il campionato Junior GP Jorge Navarro punta in alto forte di una lunga esperienza. “I dodici appuntamenti della Supersport non mi bastavano e ho voluto aumentare la mia attività. Sono contento di tornare in sella ad una Moto 2 e spero di aiutare l’equipe nello sviluppo”.  

Articoli che potrebbero interessarti