Tu sei qui

MotoGP, Martin fa marcia indietro: “La nuova carena è migliore: moto più stabile”

“Purtroppo ieri non mi aveva convinto molto mentre oggi abbiamo apportato alcune modifiche e ho capito il potenziale. Pronostico? Non ci saremo solo io e Bagnaia, Marquez sarà vicino"

MotoGP: Martin fa marcia indietro: “La nuova carena è migliore: moto più stabile”

Share


Pecco Bagnaia si è rivelato il più veloce di tutti nella caccia al tempo in occasione dell’ultima giornata di test a Sepang. Alle sue spalle si è quindi inserito Jorge Martin, distante dal piemontese soli 172 millesimi. Un crono incoraggiante per lo spagnolo, che per altro ha cambiato alcune idee in merito alla nuova carena.

“Non mi aspettavo di fare un giro così bello – ha detto - l’ho fatto con la nuova carena che ieri non mi piaceva visto che apportava modifiche all’assetto. Purtroppo ho commesso un piccolo errore in curva 3, ma alla fine sono soddisfatto”.

Martin promuove quindi la nuova carena.
“Ieri non mi sono trovato molto bene e la cosa era strana considerando i commenti di Pecco ed Enea. Oggi invece mi sono sentito competitivo e ho capito che è migliore e mi consente di essere competitivo. Direi che abbiamo il pacchetto per il 2024. Cosa cambia?  È più stabile, offre maggiore downforce, ma dobbiamo abituarci. La moto è leggermente più lenta nei cambi di direzione e serve quindi apportare un cambiamento a livello di stile”.

Sta di fatto che Martin è ben consapevole delle proprie qualità.
“Penso di essere forte e avere l’esperienza giusta in questo momento della mia carriera, inoltre riesco ad essere più preciso nei commenti. Penso che abbiamo una bella base. Il passo gara? Al secondo giro ho spinto più del dovuto e la gomma ha ceduto. Ci sono stati quindi alcuni problemi, ma il passo però era veloce e sono contento”.

In questo 2024 lo spagnolo va a caccia di rivincita e c’è grande attesa da parte sua.
“Sono focalizzato solo su me stesso e sulle mie qualità. Mi sento pronto anche se dare un giudizio su questo test è complicato, perché i piloti hanno svolto un lavoro diverso l’uno dall’altro. Di sicuro non ci siamo solo io e Pecco. Tutto ciò che mi attendevo alla fine è successo. Ci sono tanti piloti pronti alla bagarre. Marquez? Me lo aspettavo, sarà molto vicino alla vittoria in Qatar”.

Articoli che potrebbero interessarti