Tu sei qui

125 cc: presto l'accesso ad autostrade e tangenziali

A patto di essere maggiorenni, si potrà circolare su autostrade e tangenziali con le cilindrate di 125 cc. Manca solo l'ok definitivo del Parlamento

Moto - Scooter: 125 cc: presto l'accesso ad autostrade e tangenziali

Share


In molti Paesi europei, con moto e scoote di 125 cc di cilindrata, si può tranquillamente circolare in autostrada e sulle tangenziali. Ora finalmente pare tocchi anche a noi in Italia, visto che la Commissione Trasporti della Camera dei Deputati ha approvato un emendamento al disegno di legge di riforma del Codice della Strada in cui si parla di circolazione "sulle strade verdi" dai 120 cc in su.

Soddisfatta l'ANCMA, l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori, che da anni spinge su questo argomento: "Non solo l’Italia si allineerebbe finalmente al resto dell’Europa, dove è già consentito il transito, - ha dichiarato Paolo Magrì, presidente Confindustria ANCMA ma lo scenario che si prospetta, per il quale l’associazione si sta spendendo da anni, rappresenterebbe un risultato molto importante per i produttori, l’industria di riferimento e per gli utenti della strada. Un esito quindi molto significativo raggiunto dall’associazione prima del voto definitivo dell’Aula, per il quale ringraziamo i componenti della Commissione e il Governo. È evidente anche che l’introduzione di questa misura arriva in un momento così importante per la mobilità e le due ruote".

Attenzione però, manca ancora l'ok del Parlamento, ma pare sia davvero questione di mesi. Attenzione però, se è scontato che il conducente debba avere la Patente A o B, non è scontato che, per avere l'accesso ad autostrade e tangenziali, occorra essere maggiorenni. C'è dunque, anzì ci sarà, questo unico limite: si dovrà avere 18 anni. "Un intervento di buonsenso atteso da anni, che allinea il nostro Paese al resto dell'Europa e che, a parità di prestazioni, semplifica la vita a famiglie e utenti delle due ruote. Ora avanti tutta con l'approvazione finale in Parlamento per sanare un'anomalia tutta italiana", è il commento dei deputati della Lega. Attendiamo ora l'ok definitivo.

Articoli che potrebbero interessarti