Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: “Martin ha un talento naturale, ma è iperattivo e non ascolta”

“È un ragazzo naturale, a cui piace divertirsi e quando gli davo dei consigli ascoltava per due o tre secondi. Come pilota è molto esplosivo e quello che mi ha colpito di più è la sua capacità di fare un giro perfetto”

MotoGP: Lorenzo: “Martin ha un talento naturale, ma è iperattivo e non ascolta”

Solo Francesco Bagnaia ha fatto meglio di Jorge Martin in questo 2023, che ha visto il portacolori del team Pramac lottare fino all’ultima gara a Valencia per il titolo della MotoGP. Una stagione che ha confermato il talento indiscusso del pilota madrileno, protagonista del documentario “Martinator, voluntad de hierro”, prodotto da DAZN e Dorna per scoprire più da vicino la figura e la storia del nuovo vice-campione del Mondo.

Tra gli interventi degli affetti più cari a Martin, e dei suoi grandi amici nel paddock, non poteva mancare la testimonianza del cinque volte iridato Jorge Lorenzo, che ha tracciato un profilo del suo connazionale sia dentro che fuori dalla pista.

È un ragazzo molto naturale, un po’ iperattivo. Quando gli davo dei consigli, per esempio, ascoltava per due o tre secondi poi guardava qualcos’altro o mi raccontava non so quale storia. Non ascoltava - ha ricordato il maiorchino - È un bravo ragazzo, naturale, uno a cui piace divertirsi”.

Nonostante la sua indole, Martin ha trovato una continuità di risultati tale da affermarsi come il pilota più in forma della seconda metà di campionato e, nell’arco della stagione, è riuscito a mettere a segno un totale di quattro vittorie nei Gran Premi e altre nove nelle gare Sprint.

“Come pilota non lo scopro certo io. È molto esplosivo e quello che mi ha colpito di più è la sua capacità di fare un giro perfetto - ha aggiunto Lorenzo - È la sua più grande qualità e dimostra che ha un talento naturale”.

Articoli che potrebbero interessarti