Tu sei qui

SBK, Toprak avverte gli avversari dopo il test a Portimao: “Non siamo lontani”

“Il primo test con la BMW è stato molto positivo. Non ho spinto per via del bagnato, ma ho comunque realizzato dei buoni tempi. Mi trovo molto meglio con la moto rispetto a domenica”

SBK: Toprak avverte gli avversari dopo il test a Portimao: “Non siamo lontani”

Share


È più che positivo il bilancio di Toprak Razgatlioglu al termine della due giorni di test a Portimao. Pur non essendo riuscito a completare più di 30 giri, a causa di un problema all’olio sofferto domenica e della pioggia che ha bagnato nella notte l’asfalto dell’Algarve, il 27enne ha avuto modo di cominciare a prendere confidenza con la BMW M 1000 RR con cui affronterà la prossima stagione del Mondiale Superbike. 

“In generale, sono contento perché il test è stato molto positivo. Sento che la moto va molto meglio rispetto a domenica, quando l’ho guidata la prima volta, ma solo per 11 giri. Oggi abbiamo cambiato qualcosa e il feeling è stato molto buono. Ho avuto una strana caduta in Curva 5. Sono caduto sul lato sinistro, ma non è stato un grande incidente. Dopo di che, ho ripreso a girare per essere sicuro di capire la moto. Abbiamo fatto un ottimo tempo sul giro con queste condizioni della pista. Mi sono divertito. Non ho completato molti passaggi: 19 lunedì e 11 domenica. Stiamo imparando - ha raccontato il pilota turco al sito ufficiale del Mondiale Superbike - Questa moto, dopo quattro anni in Yamaha, è completamente diversa. Sto iniziando ad adattarmi e ho sentito che l’anteriore era molto meglio rispetto a prima e soprattutto il freno motore è incredibile. Abbiamo bisogno di più giri con questa moto per la messa a punto perché abbiamo molte parti, ma non abbiamo il tempo di provarle. Spero sarà asciutto a Jerez, per poter provare gli altri elementi”. 

Tante le differenze riscontrate da Toprak tra la BMW e la Yamaha YZF-R1, che ha guidato tra il 2020 e il 2023 conquistando il titolo nel 2021.

“Le differenze più grandi sono che il freno motore è incredibile e la moto è molto veloce sul rettilineo. Questo è positivo e ne sono molto contento, perché è la prima volta che sento la potenza - ha ammesso - Penso che le ali mi stiano aiutando in uscita dall’ultima curva, perché la moto non impenna. Ma essendo concentrato sull’entrata in curva e l’accelerazione, non riesco a capirlo con esattezza. Credo di aver bisogno di fare qualche giro in più. Con la Yamaha cercavo sempre di piegare di più a causa dell'impennata, ma con la BMW non devo lottare. Sento la potenza in uscita di curva e anche dopo la salita; la moto accelera di più. Sono molto contento anche del fatto che quando inizio a piegare nella frenata di Curva 1 sento tanto il freno motore. È un test molto positivo. Stiamo migliorando immediatamente, ma ho bisogno di più tempo”.

Archiviata questa prima presa di contatto in Portogallo, il pilota turco avrà modo di tornare in sella alla sua M 1000 RR nelle giornate di martedì 12 e mercoledì 13 dicembre a Jerez, dove spera di riuscire a mettere alla frusta la sua nuova cavalcatura.

“Abbiamo realizzato dei buoni tempi sul giro, ma oggi era impossibile fare dei giri veloci perché la pista era bagnata. La prima volta che ho guidato la moto non riuscivo a capirla bene. Oggi abbiamo usato un set-up differente e sono più contento, ma le condizioni della pista non erano buone e non ho spinto. Non abbiamo usato le gomme morbide. Penso potrei ottenere un buon tempo sul giro girando su una pista in buone condizioni, perché il feeling con l’anteriore è migliorato molto in entrata di curva. La trazione funziona molto bene e ho più potenza. Forse dobbiamo migliorare la percorrenza” ha concluso Razgatlioglu, lanciando un messaggio ai suo avversari:“Non siamo lontani. Dico solo questo. Stiamo arrivando”.

Articoli che potrebbero interessarti