Tu sei qui

MotoGP, Fernandez sull'Aprilia 2023: "E' un secondo più veloce della vecchia"

Lo spagnolo promuove quella che sarà la sua prossima moto: "Migliorata nell'aerodinamica, ma non riesco ancora a farla girare bene in curva". E mentre sogna di poter salire sulla 2024 dice: "Contento di sentire il supporto del team". 

MotoGP: Fernandez sull'Aprilia 2023: "E' un secondo più veloce della vecchia"

Share


Quinto in sella alla sua Aprilia al termine della sessione di test sul circuito Ricardo Tormo, Raul Fernadez ha apprezzato le sensazioni provate nel corso dei 64 giri coperti in quella che è stata l'ultima fatica stagionale del gruppo, prima del meritato riposto.

"Al mattino abbiamo girato con la vecchia moto e i tempi fatti segnare sono stati in linea con quelli della gara - ha analizzato - Ero molto veloce, per cui ad un certo punto ho preferito fermarmi, anche perché le condizioni climatiche non sono state proprio favorevoli, tra basse temperature e vento".

"Per quanto concerne le gomme, ho preferito non rischiare e partire con le soft dato che Martin montando le medie era caduto - ha poi continuato -   Nel complesso sono contento. Mi sono sentito molto a mio agio e credo che il team abbia lavorato nella giusta direzione. Adesso sappiamo cosa fare per migliorare. Personalmente ho cercato di fornire tante indicazioni utili per il lavoro invernale della squadra, così da poter essere pronti per Sepang e testare diverse soluzioni visto che i tecnici sembrano avere molte idee".

Fin qui tutto bene, ma non sono mancate neppure le note dolenti. "Ancora non riesco a fare girare bene la moto quando tocco il gas. Non penso sia un gran problema, però è necessario trovare una soluzione per avvicinarci a Ducati.Globalmente però è andata bene e anche il passo è stato buono, quindi sono contento".

Se dalla RS-GP arrivano notizie confortanti, anche il dialogo con il marchio e il gruppo tecnico gli dà morale. "Sono soddisfatti sia di me, sia di Oliveira. Sento il loro appoggio e in questa occasione, considerata l'assenza di Espargaro al pomeriggio, ho fatto un po' da voce ufficiale", ha scherzato.

Provando a fare una comparazione tra la 2022 usata fino a domenica e la "nuova" 2023,  il madrileno, in attesa, come tutti, di scoprire il nome della sua scuderia dopo l'esclusione dal campionato venturo della RNF Racing per presunte violazioni del contratto di partecipazione,  ha infine spiegato: "Quella di quest'anno mi ha permesso di essere quasi un secondo più veloce. Ho notato dei progressi anche nell'aerodinamica anteriore. Dà più fiducia e consente di entrare maggiormente aggressivi in curva. Se mi verrà data la 2024? Chiedete ad Arpilia".

Articoli che potrebbero interessarti