Tu sei qui

MotoGP, Masini: “Marc Marquez? Il cronometro ha parlato per lui”

Parla il team manager di Gresini: “Dopo una stagione come questa siamo stanchi, ma dopo oggi non vediamo l’ora che inizi il 2024. Puntare al Mondiale? Se pensassi il contrario sarei un falso”

MotoGP: Masini: “Marc Marquez? Il cronometro ha parlato per lui”

Share


Il martedì dei test di Valencia lascia il sorriso in casa Gresini. Da parte del team tricolore c’era infatti grande curiosità nel vedere in azione per la prima volta Marc Marquez con la Ducati. Un debutto certamente incoraggiante per il 93, che ha chiuso in quarta posizione a soli 171 millesimi dal riferimento fissato da Maverick Vinales.

A tirare le somme in casa Gresini è Michele Masini. Nonostante non potesse dire più di tanto sulla prestazione di Marc, il 93 ha comunque parlato coi giornalisti presenti in loco.

“Dopo una stagione del genere siamo stanchi, ma dopo oggi non vediamo l’ora di iniziare il 2024 – ha detto il team manager - riguardo la prestazione di Marc non posso dire più di tanto, ma credo che il cronometro possa parlare per lui. Personalmente sono felice e l’atmosfera è certamente grande all’interno del team”.

L’attenzione di Masini si sposta poi su quanto fatto oggi all’interno del box.
“Oggi abbiamo fatto un grande lavoro e ci siamo focalizzati sul realizzare dei giri calibrati. Con Marc e Alex abbiamo svolto un lavoro diverso, ma siamo entusiasti di chiudere così una bellissima annata. Ovviamente ci aspetta un 2024 bello tosto, ma sicuramente questo è un brillante inizio”.

A Masini viene poi domandato: quali aspettative hai per il prossimo anno? Vincere? il titolo?
“Sarei falso se dicessi il contratto”.

Di sicuro in Gresini sono state gettati le basi per un grande 2024
“Quando abbiamo preso la decisione di puntare su Marc, ero convinto che avremmo costruito un grande team. Come ho detto, credo che la giornata di oggi sia stato un inizio brillante di questo nuovo capitolo. Adesso ricaricheremo le batterie per poi prepararci al meglio in vista della presentazione e dei test di Sepang  a febbraio”.

A proposito di aspettative, a Masini viene poi chiesto su chi scommetterebbe.  
“Non è ancora il momento di scommettere, se proprio devo farlo scommetto sul team Gresini”.

A Valencia si chiude quindi una stagione ricca di impegni, ma il 2024 sembra già essere alle porte.
“Questa notte non ho dormito bene pensando al calendario del prossimo anno. Arriviamo a questo finale di stagione reduci da due mesi belli tosti. Come già detto, penso che la priorità sia quella di rimanere calmi ma felice con l’obiettivo di approcciare la prossima stagione nel nel modo migliore. Sarà intendo”.

Nel box Gresini avrà la GP23.
“Dobbiamo raggiungere il massimo con ciò che abbiamo puntando ad essere davanti. Quando abbiamo scelto Ducati, lo abbiamo fatto perché volevamo avere la miglior moto possibile a nostra disposizione, una moto da Mondiale”.

Peccato che in vista del 2024, il regolamento metterà i bastoni tra le ruote alla Rossa.
“Gli ingegneri Ducati meritano una medaglia d’oro per quanto fatto, ma sono convinto che faranno ancora di più per rendere la moto ulteriormente competitiva”.

Articoli che potrebbero interessarti