Tu sei qui

MotoGP, Marc Marquez e quel ghigno che dice tutto o quasi dopo il debutto con Ducati

Dubbi, interrogativi e tanta attesa hanno accompagnato Magic Marc verso la nuova avventura con la Rossa di Gresini. Quel sorriso una volta sceso dalla GP23 vale più di tante parole non dette

MotoGP: Marc Marquez e quel ghigno che dice tutto o quasi dopo il debutto con Ducati

Share


Marc Marquez non parlerà quest’oggi coi giornalisti presenti a Valencia. Essendo ancora sotto contratto con Honda, lo spagnolo potrà farlo soltanto a partire dal nuovo anno. Alla fine bisogna rispettare i vincoli contrattuali, anche se la Casa dell’Ala Dorata gli ha concesso di provare la Ducati prima della fine dell’anno.

Lo ha fatto stamani, alle ore 11:16, quando con la sua GP23 è uscito dal box Gresini affrontando una folla di giornalisti e fotografi posizionata attorno al garage numero 93. Marc ha realizzato otto tornate, rientrando poi con il terzo tempo a 350 millesimi dal riferimento fissato da Vinales in 1’30”369.

Ovviamente le telecamere lo hanno subito rincorso per captare le primi sensazioni raccolte in sella alla Ducati. Attorno a lui i componenti del team e gli ingegneri di Borgo Panigale in trepidante attesa di un riscontro da parte del 93. Marc ha tolto il casco, i tappi dalle orecchie, in seguito si è girato verso il suo capotecnico Carchedi lanciandogli un ghigno con tanto di sopracciglio alzato, come a dire: “Hai visto?”.

Quel sorriso di Marc vale forse più di tutte quelle parole che non dirà questa sera ai media. Un sorriso rassicurante, che stempera la tensione che si portava dietro questo debutto con Ducati.

Siamo solo all’inizio di questa avventura, il percorso che condurrà alla prima gara del Qatar è ancora lungo, ma forse Marc ha avuto quel primo riscontro di cui aveva il bisogno in sella alla GP23: una moto che lo faccia sentire nuovamente sicuro e che lo renda forte e competitivo come tutti lo hanno conosciuto.

Articoli che potrebbero interessarti