Tu sei qui

Test Valencia: Moto2 e Moto3 più veloci che mai con le gomme Pirelli

Aldeguer e Holgado hanno stabilito i nuovi giri record del Ricardo Tormo nelle rispettive categorie, nel primo test 2024 con pneumatici Pirelli. Barbier: “Ci sono tutte le premesse per fare bene”

News: Test Valencia: Moto2 e Moto3 più veloci che mai con le gomme Pirelli

Share


Si è aperta con i tempi più veloci di sempre l’era della Pirelli come fornitore unico di pneumatici delle classi Moto2 e Moto3. All’indomani dell’ultima gara della stagione, il circuito Ricardo Tormo di Valencia è stato teatro del primo test ufficiale 2024 per i piloti delle due classi cadette del Motomondiale e, come successo lo scorso settembre al Montmeló, i protagonisti dei due campionati si sono dimostrati da subito molto veloci con le coperture prodotte dall’azienda milanese. Tanto da riuscire a stabilire il giro record di tutti i tempi per il circuito di Valencia in entrambe le categorie

Ci ha pensato Alonso Lopez a settare il nuovo riferimento della Moto2, fermando il cronometro in 1’33”061 nella prima delle due sessioni di giornata. Un tempo che ha permesso all’alfiere del team SpeedUp di togliere due decimi al primato realizzato nelle FP3 dello scorso weekend dal suo compagno di squadra, Fermin Aldeguer. In Moto3, invece, è stato Daniel Holgado a issarsi in cima alla classifica combinata con un passaggio in 1’37”300, con cui ha frantumato il precedente record della classe leggera, siglato nel 2020 da Darryn Binder in 1’38”286.
 
Tutti i piloti sono scesi in pista equipaggiati da pneumatici standard di tipo slick DIABLO Superbike in mescole soft e medium, sia per l’anteriore che per il posteriore. Le misure utilizzate sono state 125/70 R17 anteriore e 200/65 R17 posteriore in Moto2 e 100/70 R17 anteriore e 120/70 R17 posteriore in Moto3. 

Barbier: “Ci sono tutte le premesse per fare un buon lavoro nel 2024”

Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti in questo primo test ufficiale 2024 con i piloti e i team di Moto2 e Moto3. Per noi l’obiettivo era quello di confermare le buone impressioni viste ad inizio settembre sul circuito di Montmelò. In quell’occasione, trattandosi di test privato, non erano stati forniti tempi ufficiali, mentre oggi è stato possibile fare un confronto diretto con i tempi del fine settimana appena trascorso, in condizioni metereologiche e con temperature sostanzialmente analoghe” ha affermato il Direttore Racing Moto di Pirelli, Giorgio Barbier

Pur trattandosi di gomme regolarmente in vendita e non di pneumatici prototipali, le coperture portate a Valencia dalla Casa meneghina non hanno tradito nessuna aspettativa, confermandosi più che all’altezza della situazione e dei rilevamenti cronometrici.

Realizzare i giri più veloci di sempre per questa pista nei rispettivi campionati, nel caso di Moto3 migliorandolo addirittura di un secondo, è senz’altro una prova evidente e facilmente quantificabile delle ottime prestazioni che i nostri pneumatici sono in grado di garantire. Alcuni piloti hanno percorso, utilizzando lo stesso set di pneumatici, più giri di quelli di gara, anche se non consecutivi, con drop e livelli di usura contenuti - ha commentato Barbier - Tutte le mescole hanno performato bene, chiaramente quelle più morbide sono in generale quelle che hanno permesso ai piloti di realizzare i loro migliori tempi. Sappiamo che i test, per quanto rappresentativi, non sono mai come un fine settimana di gara e che ogni pista fa storia a sé stante ma possiamo dire che le premesse per fare un buon lavoro la prossima stagione ci sono tutte”. 

Articoli che potrebbero interessarti