Tu sei qui

Sasaki saluta la Moto3 vincendo a Valencia, sul podio Alonso e Ortolà

Il giapponese centra il suo primo successo in stagione nell’ultima gara dell’anno, battendo Alonso e Ortolà. Quarto il poleman Veijer, protagonista di highside nel giro di ricognizione. Migliore degli italiani è Farioli, 12° davanti a Masia

Moto3: Sasaki saluta la Moto3 vincendo a Valencia, sul podio Alonso e Ortolà

Share


Dopo 10 podi, di cui sette secondi posti, Ayumu Sasaki ha conquistato il suo primo successo in stagione, trionfando nel GP della Comunità Valenciana. A una settimana di distanza dalla rabbia e la delusione per l’epilogo del GP del Qatar, il vice-campione del Mondo si è preso la sua rivincita nell’ultima gara dell’anno, conquistando quel successo che si era visto negare in Malesia dal suo compagno di squadra Collin Veijer, prima del passaggio in Moto2 con i colori del team Yamaha VR46 Master Camp.

“Non ho parole, è la mia ultima gara in Moto3, il team ha fatto un lavoro fantastico e siamo Campioni del Mondo” ha detto a caldo Ayumu, che con il suo risultato ha aiutato il team Liqui Moli Husqvarna Intact GP a laurearsi campione a Valencia. “Ho dimostrato quello che riuscivo dopo una gara non semplicissima come quella della settimana scorsa, sono tornato e sono contento di averlo fatto per la squadra e per tutti i miei fan”.

Persa la prima posizione nel secondo passaggio, a vantaggio del suo compagno di box, Sasaki è riuscito a riportarsi davanti a tutti negli ultimi giri di gara, approfittando di un errore di Veijer, che ha fatto scalare l’olandese in quarta posizione. Tornato al comando, il pilota giapponese non ha più mollato la posizione, difendendosi dalla pressione e dai tentativi di attacco di uno scatenato David Alonso, salito in seconda posizione dopo un bel duello con Ivan Ortolà, terzo al traguardo.

Risalito dalla sesta posizione in griglia, il 19enne di Calicanto è riuscito a chiudere con un podio la sua collaborazione con il team Angeluss MTA, regolando il poleman Veijer, che si è dovuto accontentare della quarta piazza dopo aver condotto quasi tutta la gara, nonostante un brivido poco prima del via. Il pilota olandese è stato infatti vittima di un highside nel giro di ricognizione, che ha costretto agli straordinari il team Intact GP senza però pregiudicare lo svolgimento della sua gara.

In lotta per il podio a inizio gara, ha chiuso in quinta posizione Deniz Oncu, precedendo José Antonio Rueda, Joel Kelso e Daniel Holgado, risalito fino all’ottavo posto dopo aver perso tempo prezioso al via, quando il portacolori del team Red Bull KTM Tech3 è rimasto invischiato nell’incidente provocato da Xavi Artigas, che ha messo fine alla gara di Diogo Moreira e Vicente Perez. Costando un doppio Long Lap Penalty allo spagnolo di PruestelGP.

Completano la Top 10 David Munoz e Ryusei Yamanaka, mentre il Campione del Mondo Jaume Masia non è andato più in là di una opaca 13esima posizione alle spalle di Filippo Farioli, migliore degli italiani. Per quanto riguarda gli altri piloti tricolore, Stefano Nepa ha chiuso la zona punti seguito da Romano Fenati, Riccardo Rossi e Matteo Bertelle.

La classifica del GP della Comunità Valenciana

Articoli che potrebbero interessarti