Tu sei qui

MotoGP, Quartararo: “Il lavoro di Martin è rompere le balle a Bagnaia"

“... e lo sta facendo alla perfezione. Per Jorge vincere il titolo sarà difficile, ma non impossibile. Il mio venerdì? All’ultima curva ho commesso un errore da rookie”

MotoGP: Quartararo: “Il lavoro di Martin è rompere le balle a Bagnaia"

Share


Fabio Quartararo è rimasto fuori dall’accesso diretto alla Q2. Un venerdì pomeriggio un poco complicato per il vicecampione del mondo, costretto a consolarsi con la tredicesima posizione a meno di mezzo secondo dalla vetta.

Nonostante le difficoltà, il pilota della Yamaha vede il bicchiere mezzo pieno in attesa della giornata di sabato.

“Peccato – ha detto – purtroppo ho trovato le bandiere gialle mentre alcuni piloti ne terzo settore come mi hanno rallentato. Come se non bastasse ho commesso un errore da rookie all’ultima curva che mi ha fatto perdere tre decimi, che alla fine hanno pesato. Dispiace, ma so che abbiamo potenziale e per domani puntiamo a fare un passo avanti al mattino”.

Quali sono le condizioni del tracciato?
“Qua abbiamo bisogno di maggiore downforce. Rispetto allo scorso anno la  pista è più veloce e le condizioni sono buone. Il fatto è che quando hai tanto grip pensi a spingere di più e finisce che ti ritrovi a terra. Le gomme? Oggi ho sofferto con l’anteriore e di conseguenza dobbiamo trovare una soluzione per domani. In Qatar la soft era un ottima scelta mentre qua stiamo faticando più del solito. Valuteremo bene domani la situazione per imboccare la giusta direzione”.

Come giudichi il duello Martin-Bagnaia?
“Il compito di Martin è quello di rompere le palle a Pecco e in questa occasione deve farlo più del solito. Penso che lui lo stia facendo alla perfezione, consapevole del fatto che sarà difficile vincere il titolo, ma non impossibile”.

Cosa ti aspetti dalla Q1?
“Sul giro secco potevo fare certamente di più quest’oggi. Il fatto è che in Q1 non sai mai poi cosa aspettarti. Possiamo ad esempio guardare a quanto accaduto settimana scorsa in Qatar, dove Zarco e Alex Marquez hanno fatto un gran lavoro partendo poi davanti in gara”.

 

Articoli che potrebbero interessarti