Tu sei qui

MotoGP, Pecco Bagnaia punta alla Sprint: "Voglio vincere il titolo sabato"

"Ho imparato l'anno scorso come gestire la pressione, devo solo pensare a divertirmi. Ci sarà anche Valentino al mio fianco e mi sarà di aiuto, cercherò di non fare come lui nel 2006"

MotoGP: Pecco Bagnaia punta alla Sprint: "Voglio vincere il titolo sabato"

Share


È arrivato il Gran Premio in cui si deciderà un’intera stagione, un fine settimana ad alta pressione alla fine del quale solo uno fra Bagnaia e Martin potrà festeggiare. Pecco ci è già passato, lo scorso anno era arrivato a Valencia giocandosi il Mondiale contro Quartararo, questa volta ha Martin di fronte. Quello che non cambia sono i riflettori puntare, la consapevolezza di non potere sbagliare per non vanificare tutti gli sforzi.

È una situazione molto simile ma anche diversa, perché ci sono 12 punti in più in palio e ne ho 2 in meno di vantaggio. Sicuramente, arriverò più pronto mentalmente. Sono in una situazione migliore di quella di Jorge, ma 21 punti di vantaggio non sono abbastanza per stare calmi” la sicurezza della vigilia, che si accompagna a un obiettivo, quello di vincere il titolo già sabato, nella gara sprint. Un’impresa non semplice ma neppure impossibile: per riuscirci dovrà guadagnare 4 punti a Martin

Bisognerà affrontare questo fine settimana serenamente ed essere molto veloci domani. Sarà una giornata fondamentale per essere competitivi sabato perché punto a chiudere il campionato nella Sprint, il prima possibile - ha dichiarato il campione del mondo - Dicono non sia bello farlo nella gara corta? Non me ne frega niente, andrebbe benissimo per godersi poi la domenica - ha sorriso - Sicuramente se vedrò che i rischi saranno troppo alti ci riproverò nella gara lunga".

Fra il dire e il fare, ci sono di mezzo prove e qualifiche.

Darò il massimo, so che nella Sprint devo migliorare - ha continuato Pecco - In Qatar sabato pensavo di essere abbastanza veloce per lottare per la vittoria o per il podio senza il problema di grip che ho avuto. Devo migliorare già nel venerdì, ci stiamo lavorando e ho margine, non è qualcosa su cui concentrarsi sole per questo fine settimana, ma soprattutto per il futuro”.

Fin qui l’analisi tecnica, mentre su quella psicologica non ci sono regole. È questione di nervi, di sapere gestire quell’ondata di nervosismo e pressione che sa lo travolgerà.

Il consiglio più utile me lo ha dato il mio preparatore: non pensare troppo, divertiti - ha riportato le parole di Carlo Casabianca - È giusto, bisogna godersi le cose e l’ho imparato l’anno scorso. Non è facile perché la pressione aumenterà giorno dopo giorno, ma fin quando siamo qui per divertirci, dobbiamo divertirci.

A sostenerlo ci sarà anche Valentino Rossi. “È importante, potrà essere di aiuto averlo al mio fianco” ha detto Pecco. Anche se, proprio a Valencia, il Dottore aveva perso il titolo nel 2006 contro Hayden. “Non mi era nemmeno venuto in mente - ha commentato Bagnaia - Lui però era arrivato con 8 punti di vantaggio, diciamo che cercherò di non fare come Vale. Conosco bene il potenziale di Martin, so che sarà capace di lottare per la vittoria, devo solo restare calmo”.

Tra l’altro, l’ultimo round è in casa del nemico. Cambia qualcosa lottare contro un pilota spagnolo in Spagna?

L’anno scorso ho lottato contro tutti, o meglio li ho fatti passare perché ero lento - ha ricordato con ironia Pecco - So che verranno tanti tifosi per sostenere Jorge, ma la nostra lotta è stata corretta per tutto l’anno e spero che si godano il duello. Le condizioni sono buonissime, l’asfalto è nuovo, c’è grip, qui ho già vinto una gara e anche il Mondiale lo scorso anno, quindi è una buona pista per giocarsi il titolo. Non è Misano o il Mugello, ma comunque va bene.

Non manca - naturalmente - la classica domanda sui possibili giochi di squadra. Bagnaia se l’aspettava e risponde sicuro: “preferisco fare da me, come sempre”.

Articoli che potrebbero interessarti