Tu sei qui

MotoGP, Bezzecchi: “Non sono ancora al 100%, ma voglio il podio in Malesia”

“Mi aspetto di soffrire anche a Sepang perché non ho ancora recuperato appieno, ma in Thailandia ero veloce e costante e cercherò di ripetermi per restare in lotta per il Mondiale fino al Qatar”

MotoGP: Bezzecchi: “Non sono ancora al 100%, ma voglio il podio in Malesia”

Share


Comincia dalla Malesia il rush finale della MotoGP, che si appresta a vivere gli ultimi tre appuntamenti dell’anno racchiusi in tre settimane. Una tripletta in cui Marco Bezzecchi punta a tornare a lottare per il podio dopo aver stretto i denti nelle ultime cinque gare, per via degli strascichi dell’infortunio alla clavicola sofferto qualche settimana fa in allenamento.

“È stato un trittico intenso per me, perché le mie condizioni fisiche non erano delle migliori” ha chiosato l’alfiere del team Mooney VR 46 alla vigilia del fine settimana a Sepang, aggiornando sulle sue condizioni fisiche:.“È stato importante tornare a casa per una settimana. Non mi sono davvero riposato, ma ho cercato di recuperare il più possibile e ho continuato ad allenarmi per arrivare pronto a questa ultima parte della stagione. Mi sento un po’ meglio e non posso lamentarmi. Sarà sicuramente doloroso, ma nel complesso le mie condizioni mi hanno sorpreso in positivo”

Pur non essendosi veramente riposato in questa settimana di stop tra i due trittici di gare, Marco ha deciso di prendersi una pausa dalle moto e dal Ranch.

Non voglio più vedere il Ranch per qualche mese - ha ammesso ridendo - Non mi sono allenato in moto, perché ho pensato fosse meglio riposare un po’ il mio corpo, anche perché la MotoGP è molto stressante e io dovevo arrivare qui in buona forma. Non sono ancora al 100% e appena metto la spalla sotto stress, il collo e la schiena mi creano un sacco di problemi, ma almeno ho parzialmente recuperato e proverò ad essere forte”.

Sebbene la risposta data dal suo fisico abbia stupito Bezzecchi, il romagnolo si prepara comunque ad affrontare un’altra prova intensa, non avendo ancora ritrovato il pieno della condizione.

“Non mi aspettavo di stare meglio di così, anzi. Sono molto motivato e questo mi aiuta a migliorare, però bisogna essere realisti e sapere che si soffrirà, anche perché è peggio se parti convinto di non soffrire e poi succede - ha puntualizzato - Andiamo incontro a tre gare di fila e due, tra l’altro, saranno di nuovo al caldo. Non sarà semplice, ma sto un po’ meglio. Più passano i giorni e più mi sento meglio, ma appena riprenderò a guidare la moto tornerò a fare di nuovo fatica, quindi sarà sempre tosta”.

Tra le incognite da affrontare a Sepang ci sarà sicuramente il pazzo meteo malese, che potrebbe regalare qualche scroscio di pioggia durante il weekend.

“Le condizioni meteo saranno un aspetto chiave del weekend, ma farò del mio meglio. Il bagnato dà una mano fisicamente ma è un problema per tutto il resto, quindi preferirei l’asciutto, ha affermato Marco, che spera di tornare a essere tra i protagonisti su uno dei suoi tracciati preferiti.

Veloce già nello scorso round a Buriram, il Bez punta ad alzare ulteriormente l’asticella al Sepang International Circuit, per tenere vivo il sogno del Mondiale. Alla vigilia del terzultimo appuntamento dell’anno, il ducatista si trova difatti ancora matematicamente in lotta per il campionato, occupando il terzo posto in classifica alle spalle del leader Francesco Bagnaia e di Jorge Martin. 

L’obiettivo è quello di tornare a essere competitivi per lottare per il podio - ha ammesso - Secondo me in Thailandia c’ero, ma purtroppo non ce l’ho fatta per svariate ragioni, tra cui qualche errore che ho commesso in gara e mi ha fatto perdere del tempo. Ero costante e molto veloce e credo che potrò provare a fare lo stesso anche qui. Bisogna riuscire a concretizzare e a salire sul podio. Se poi riesco a fregare anche gli altri due, anche meglio. Così resto in lotta per il Mondiale fino in Qatar”.

Non sarà facile recuperare 78 punti a Bagnaia, ma Bezzecchi non vuole ancora darsi per vinto.

È ancora possibile. Ovviamente sarà dura, perché Bagnaia e Martin sono molto veloci e io non sono ancora al massimo delle condizioni. Sarà tosta, ma se riuscirò a ottenere un buon risultato salirò sul podio esultando come ha fatto Pecco in Indonesia! - ha commentato scherzando - Sarà molto difficile perché loro sono forti, ma farò il massimo”.

Articoli che potrebbero interessarti