Tu sei qui

SBK, Cabrini cerca l’impresa nel CIV Femminile: “Vittoria o ghiaia!”

A Imola va in scena l’atto finale del CIV Femminile con Sara Cabrini chiamata a recuperare 9 punti su Roberta Ponziani: “Ci proverò. Sarà durissima, ma non impossibile. In futuro mi piacerebbe confrontarmi con gli uomini e cambiare cilindrata”

SBK: Cabrini cerca l’impresa nel CIV Femminile: “Vittoria o ghiaia!”

Share


Questo week-end l’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola decreterà vincitori e vinti delle restanti tre categorie del Campionato Italiano Velocità 2023. Se in Superbike tiene banco il derby Ducatista tra Michele Pirro e Lorenzo Zanetti, in Supersport Simone Corsi potrebbe chiudere i giochi già oggi con una gara d’anticipo. Situazione diametralmente opposta nel CIV Femminile, dove si dovrà attendere l’esito della sfida in manche unica di domani per eleggere la prima Campionessa del CIV Femminile. Presentando due legittime pretendenti al titolo tricolore, Sara Cabrini si vede chiamata all’impresa di recuperare nove punti su 27 ancora in palio alla capo-classifica di campionato Roberta Ponziani.

“La tensione di questa gara è tangibile, mi sto giocando il titolo italiano - ha ammesso la numero 31 - sono consapevole che sarà durissima, ma non impossibile. Non ho niente da perdere, ci proverò... vittoria o ghiaia!”.

Già impegnata nella Women’s European Championship, occupando la quinta posizione nella classifica generale, complessivamente annovera due vittorie e sette podi. Indiscutibilmente la miglior annata della carriera: “A prescindere dall’epilogo di domani, continuerò ad essere molto soddisfatta del mio percorso - ha proseguito - ho trovato una squadra, Gradara Corse, con cui mi sono trovata in sintonia sia a livello umano che tecnico e potuta esprimere con regolarità ad alti livelli nel CIV Femminile e nella WEC”.

Amiche nella vita e avversarie in pista, Sara e Roberta Ponziani hanno infiammato il CIV Femminile. Un confronto che culminerà nel giro di 24 ore, con tutti i presupposti per assistere alla riproposizione dello spettacolare duello andato in scena a metà settembre all’Autodromo di Varano de’ Melegari: “In questo 2023 mi sono avvicinata parecchio alle sue prestazione, anche se onestamente mi manca un pizzico di esperienza rispetto a lei, ormai autentica veterana delle ruote alte. Mentre io ho iniziato appena due anni fa (conquistando subito il riconoscimento di miglior rookie dell’allora Women’s European Cup 2021; ndr) dopo una lunga trafila nei campionati propedeutici di Minimoto”.

Alla promettente ragazza che nel settembre 2021 saliva per la prima volta sul podio davanti al pubblico di casa all’Autodromo del Mugello, evento a cui non doveva neanche partecipare, è mancato finora il definitivo salto di qualità: “Se mi guardo indietro qualche rammarico c’è - ha spiegato - penso sicuramente al 2022 (trascorso nella WEC sotto le insegne Trasimeno Yamaha; ndr), che ancora ritengo una stagione persa... comunque non mi sono abbattuta, penso di averlo dimostrato in pista coi fatti”.

Ideato sul finire dello scorso anno, il format del CIV Femminile ha riscosso notevole successo. Registrando l’adesione di almeno 15 ragazze (tutte italiane) per gara e alternando tracciati scorrevoli e bislunghi ad altri tortuosi e tecnici: “Ho trovato interessante questo avvicendamento, così sono state messe in risalto le nostre capacità di guida. E giusto per dare una possibilità a coloro che stanno muovendo i primi passi di restare più a contatto con le battistrada in layout meno selettivi. Sono convinta che in futuro arriveranno anche loro là davanti e spero che la formula venga rinnovata”.

Aspettando la decisiva gara di domani mattina alle 10:40 (visibile in diretta su MS MotorTV, canale 229 di Sky ed in streaming sul relativo profilo Facebook), la fiorentina non nasconde le personali ambizioni in ottica 2024: “Mi piacerebbe confrontarmi con gli uomini e, possibilmente, cambiare cilindrata rispetto all’attuale Supersport 300. Lo troverei più stimolante, sento che potrei migliorare di più perché che è ciò che voglio fare. Qualora non venisse a crearsi questa possibilità sono disposta a proseguire nelle competizioni femminili, alla fine ci divertiamo anche tra di noi”.

Photo credit: Benzina Media

Articoli che potrebbero interessarti