Tu sei qui

MotoGP, Alex Rins: "ho deciso di lasciare Honda per Yamaha nel letto di ospedale"

“L’anno scorso, dopo il ritiro di Suzuki abbiamo bussato a tutte le porte e una di quelle a cui abbiamo bussato è stata la Yamaha. Siamo rimasti in contatto. Il fatto che abbiano avuto questa dimostrazione di sostegno per me e siano andati avanti con la firma è spettacolare"

MotoGP: Alex Rins: "ho deciso di lasciare Honda per Yamaha nel letto di ospedale"

Share


Sappiamo che Alex Rins non correrà in Austria, visto che al suo posto correrà Iker Lecuona, ma ciò non significa che non ci sarà. Il pilota spagnolo, che sta recuperando dopo l’incidente e che ha già annunciato il suo passaggio alla Yamaha, sarà infatti nel box del team LCR per stare con la sua squadra.

“La cosa più importante è il mio recupero - ha spiegato nel podcast di motorsport.comindipendentemente dal fatto che l'anno prossimo cambieremo squadra o che saremmo rimasti con la stessa. Non è stato un infortunio qualsiasi, potrebbe essere il più duro che ho subito nello sport e deve guarire e recuperare molto bene, perché si possono avere problemi di mobilità per tutta la vita. Quindi il cambio di squadra non c'entra nulla, è importante recuperare bene per me stesso. Una caduta quando tutto si sta ancora saldando e una vite o una placca si muove, e io ho una gamba piena, potrebbe avere il suo prezzo”.

Poi Rins ha fatto luce sulla notizia del suo accordo con Yamaha.

“L’anno scorso, quando abbiamo sentito la 'grande notizia' che la Suzuki avrebbe lasciato il Campionato del Mondo, abbiamo bussato a tutte le porte e una di quelle a cui abbiamo bussato è stata la Yamaha. Ci hanno detto che per il 2023 erano al completo, entrambi i piloti erano sotto contratto, ma di rimanere in contatto. E così abbiamo fatto, per tutta la seconda metà dell'anno scorso e per tutto quest'anno, fino a quando ci hanno fatto un'offerta e abbiamo preso la decisione", ha detto il pilota LCR.

"È stata una decisione presa all'ospedale di Madrid, con la gamba in aria - ha rivelato il vincitore del GP del Texas - La verità è che è stato complicato, i dubbi erano tanti, sapete che non sono una persona che fa cambiamenti drastici senza pensarci molto. Ma è un'opportunità che non potevo lasciarmi sfuggire, è un team ufficiale, un trattamento ufficiale nello stesso team e la verità è che l'opportunità è molto buona. È sicuramente una dimostrazione di grande fiducia, è una cosa che ha aggiunto molto. Con un infortunio così grave, il fatto che abbiano avuto questa dimostrazione di sostegno per me e siano andati avanti con la firma è spettacolare. Forse in un'altra squadra, se ti infortuni, vai da una seconda scelta”.

Alex Rins dunque nel 2024 dividerà il box con l’ex iridato Fabio Quartararo.

"Non ho ancora parlato con Fabio, ma siamo rimasti in contatto, abita a una strada da me ad Andorra e il rapporto con lui è buono. Non vedo l'ora di lavorare con Fabio, è un pilota molto veloce, non so ancora come lavora o come prova le cose, ma ha fatto lavorare la Yamaha e ora che le cose non vanno bene è in grado di mettere la testa fuori di tanto in tanto. In linea di massima erediterò l'intera squadra che ora lavora con Franco. Non conosco nessuno e non so come lavorano. L'unico con cui parlo è Lin Jarvis, e anche Maio (Meregalli). Volevo chiedere a loro, ma non l'ho fatto perché ho ancora molte gare davanti a me con la Honda e il progetto con LCR deve arrivare a Valencia e darò tutto per essere il più in alto possibile fino alla fine".

 

Articoli che potrebbero interessarti