Tu sei qui

Ducati MotoGP Vs Panigale V4S: Bagnaia a meno di 4 secondi da Bagnaia

Nell'allenamento collettivo organizzato a Portimao, Pecco è andato fortissimo incassando meno di 4 secondi dal proprio record in gara con temperature molto più basse

MotoGP: Ducati MotoGP Vs Panigale V4S: Bagnaia a meno di 4 secondi da Bagnaia

Share


E' sempre divertente confrontare i tempi che siglano i piloti della MotoGP in gara con quelli di cui sono autori durante le sedute di allenamento sulle stesse piste con moto di serie. Nel caso di Pecco Bagnaia e della Ducati V4s, il divario è sempre molto ridotto ed anche a Portimao il distacco tra il prototipo di Borgo Panigale e l'ammiraglia sportiva di serie è risultato davvero risicato. 

In gara, durante il Gran Premio del Portogallo, Bagnaia aveva fermato il cronometro in 1'39'588, ovvero il 4° miglior tempo in gara a poco più di un decimo da Fabio Quartararo, autore del miglior riferimento. Al termine della sessione di allenamento a Portimao, Bagnaia ha pubblicato il crono ottenuto con la Ducati Panigale V4s che utilizza normalmente in allenamento, ovvero 1'43'286. Meno di quattro secondi tra i due crono che vanno anche considerati con attenzione. Durante il GP infatti, il tracciato era perfettamente gommato, dopo tre giorni di prove e oltre metà gara della MotoGP. Le temperature erano più elevate e le condizioni generale quasi perfette. Uno scenario molto diverso da quello trovato da Bagnaia & Co durante questo allenamento di fine gennaio, con temperature molto più basse ed un grip offerto dall'asfalto decisamente inferiore rispetto a quello offerto dalla stessa pista durante il GP. 

Consideriamo poi che di certo Bagnaia non ha dato il 100% durante l'allenamento, perché girare forte è importante, ma evitare di farsi male proprio alla vigilia della stagione lo è ancora di più, ed ecco che il crono ottenuto assume contorni diversi. Solo qualche anno fa era davvero difficile immaginare piloti della MotoGP avvicinare così tanto i tempi fatti in gara con le moto di serie dei rispettivi Costruttori e questo distacco così ridotto non fa che testimoniare quanto sia simile oggi il potenziale della Panigale V4s rispetto alla cugina MotoGP. Franco Morbidelli a sua volta ha incassato circa mezzo secondo da Pecco con la sua R1 fermando il cronometro in 1'43'763, ma nel GP aveva girato in 1'40'665, ovvero poco più di 3 secondi più forte in sella alla M1. Questo dato testimonia probabilmente la mancanza di confidenza tra Franco ed il prototipo Yamaha in questa stagione, più che una maggiore vicinanza tra il potenziale di R1 ed M1 ovviamente. 

Articoli che potrebbero interessarti