Tu sei qui

SBK, Rea: “Aumentare la potenza della Kawasaki è impossibile”

“Dobbiamo lavorare per cercare di rendere la moto più facile da guidare e gestire meglio le gomme. Petrucci e Gardner sono piloti di talento e me li aspetto forti”  

SBK: Rea: “Aumentare la potenza della Kawasaki è impossibile”

Share


Johnny Rea ha archiviato il primo test del nuovo anno con il quarto tempo a sette decimi dalla Yamaha di Toprak Razgatlioglu. Al mattino il portacolori Kawasaki è rimasto fermo ai box, entrando in azione solo nel pomeriggio.

Tanto lavoro per il nordirlandese, chiamato per l’occasione a provare le novità portate dalla squadra sul tracciato di Jerez.

“Stamani faceva davvero molto freddo, di conseguenza abbiamo optato per entrare in pista al pomeriggio – ha esordito – abbiamo quindi iniziato da dove avevamo lasciato lo scorso, provando alcune novità. Purtroppo non siamo arrivati a ottenere delle grandi conclusioni, perché ho lamentato alcuni problemi al freno posteriore e ho dovuto lavorare per risolvere”.

In tutto ciò quest’oggi si sono visti nuovi volti all’interno del team Kawasaki.  
“Sono piacevolmente sorpreso dall’arrivo del nuovo elettronico Cristophe Lambert così come di alcuni altri nuovi membri. Lambert è una persona preparata, con molte idee, il cui innesto ha dato un importante contributo. Oggi, quando abbiamo optato per alcune scelte, queste hanno subito avuto dei riscontri immediati, mentre lo scorso anno non riscontravo delle grandi differenze o forse le mie richieste non venivano del tutto capite e in seguito soddisfatte”.

A Jerez Johnny si focalizza sul presente, anche se lo sguardo è rivolto all’inizio della stagione.
“Questo pacchetto su cui sto lavorando è simile a quello definitivo che poi porteremo a Phillip Island. Ci saranno comunque altre componenti da provare, soprattutto aggiornamenti a livello di elettronico, in modo da avere tutte le idee chiare per il via della stagione”.

Rea sa bene quale sia lo step da compiere.
“Abbiamo bisogno di gestire meglio le gomme nelle gare calde, soprattutto quelle che si disputeranno nelle stagioni estive. Ovviamente dovremo fare dei miglioramenti, anche se aumentare la potenza della Kawasaki è una cosa impossibile, visto che il regolamento non ce lo consente. Di certo però dovremo impegnarci per rendere la moto più facile da guidare. Lo scorso anno le prestazioni erano buone in alcune aree, ma non in tutte”.

La conclusione riguarda il pronostico per il Campionato.
“Alvaro e Toprak saranno certamente là davanti a lottare per il vertice e sono convinto che anche i nuovi arrivati saranno competitivi. Quest’anno c’è un pilota come Petrucci, che ha vinto in MotoGP a cui si aggiunge Gardner e Aegerter. Tutti questi piloti hanno talento ed è un bene per il Campionato”.

Articoli che potrebbero interessarti