Tu sei qui

Rivoluzione elettrica: Ducati MotoE vs Gen3, cosa e quanto cambia

L’ANALISI - La Casa di Borgo Panigale ha deciso di tuffarsi nel mondo elettrico, mentre Spark e Dallara hanno rinnovato il proprio impegno in Formula E con Maserati al debutto nella competizione. Il primo confronto invernale sorride alle due ruote

MotoE: Rivoluzione elettrica: Ducati MotoE vs Gen3, cosa e quanto cambia

Share


Il 2023 rappresenta a tutti gli effetti un anno di novità e cambiamenti per il mondo elettrico legato al racing. Nel Motomondiale abbiamo infatti assistito all’arrivo di Ducati, che ha raccolto il testimone lasciato da Energica, portando in pista a partire da questa stagione la V21L. A braccetto va anche la Formula E, che lo scorso maggio ha tolto il velo a Montecarlo alla nuova Gen3, salutando la precedente Gen2.

Se per assistere al debutto della V21L in gara sarà necessario attendere il GP di Le Mans, la Gen3 sarà invece già in azione quest’oggi a Città del Messico, quando andrà in scena la tappa inaugurale della stagione 2023 della Formula E sul tracciato Hermanos Rodriguez.

Per l’occasione abbiamo voluto fare un confronto tra quanto sia stato grande il passo avanti compiuto a livello di sviluppo tra due e quattro ruote. Partiamo quindi dalle moto.

ENERGICA  VS  DUCATI MOTOE   
Secondo i dati diramati dalla Casa di Borgo Panigale, la Ducati V21L è in grado di erogare una potenza di 150CV con una coppia massima di 140Nm e un peso che si attesta sui 225kg. In occasione dei test al Mugello, la velocità di punta raggiunta dalla Rossa è stata di 275km/h con un’accelerazione da 0 a 100km/h di circa 2,6 secondi.

Dal canto suo invece, Energica erogava 163CV con una coppia massima di 200Nm e un peso  247kg, ovvero più di 20kg rispetto alla Rossa. Inoltre la velocità di punta si attestava sui 268km/h senza sfruttare la scia.

C’è poi il tema delle batterie: quelle di Energica avevano una capacità di 20kWh e un peso che si aggirava attorno ai 120kg. La capacità della Ducati è invece di 18kWh con un peso di 110kg. C’è però una sostanziale differenza tra le rispettive batterie, perché quelle di Energica utilizzavano celle rettangolari lavorando a 400V mentre Ducati è composta da 1152 celle cilindriche con un potenziale di ben 800V.

GEN 2 VS GEN 3

Volgendo invece lo sguardo alle quattro ruote, la Gen 3 rappresenta il presente e il futuro della Formula E all’insegna del tricolore. Spark e Dallara hanno infatti collaborato per quanto riguarda la realizzazione del telaio, mentre il fornitore delle batterie è Williams.

In termini di velocità, la nuova monoposto arriva a toccare una punta di 320 km/h esercitando una potenza di 470 cavalli, mentre la vettura di seconda generazione riscontrava 280 km/h di punta e un’erogazione di 340 cavalli. Uno degli aspetti più interessante è poi quello del peso con la Gen3 che risulta ben 60 kg più leggera rispetto alla precedente.

Un passo avanti non da poco è poi rappresentato dall’introduzione del motore anteriore (250 KW), che assieme a quello posteriore (350 KW) raddoppia la capacità rigenerativa della vettura arrivando a ben 600 KW.

In soli 30 secondi la batteria potrà essere ricaricata e il 40% dell’energia utilizzata in gara arriverà dalla frenata. Se pensiamo alla Gen1, il confronto diventa a dir poco impressionante, perché rispetto a quella prima monoposto la Gen3 è il 75% più potente, ha una velocità maggiore di 95 km/h e la capacità di rigenerazione della potenza è sei volte tanto.

Con questi numeri abbiamo cercato di descrivere quello che è stato il progresso tra due e quattro ruote. Dire chi ha migliorato di più sarebbe un errore, anche perché stiamo parlando di due mondi lontani  e diversi tra loro.

La cosa che possiamo dire, dando un rapido sguardo ai tempi realizzati, è che nei svolti negli ultimi mesi la Ducati MotoE è stata tre secondi più veloce rispetto all’Energica, mentre la Gen3 ha fatto un secondo meglio in occasione degli unici test svolti a Valencia a dicembre. Ovviamente bisogna tenere conto delle condizioni del tracciato e del lavoro svolto dalle rispettive squadre. Vedremo quindi se i valori saranno confermati o cambieranno a partire da questo weekend di gara.    

PROGRAMMA - L’appuntamento con l’E-Prix del Messico è per le ore 21 italiane. La gara sarà trasmessa in diretta in chiaro sul canale 20 di Mediaset e sulla pay-tv di Sky al canale 252 di Sky Sport.  

   

Articoli che potrebbero interessarti