Tu sei qui

MotoGP, Marquez: "non basta essere il migliore: ho imparato da Pedrosa, Lorenzo e Rossi"

"Sono stato in grado di competere con loro, di batterli, perché a volte non basta essere il migliore. Devi essere il più completo, il più veloce, il più intelligente, usare l'esperienza e poi avere anche la squadra e la moto per lottare per un campionato del mondo"

MotoGP: Marquez: "non basta essere il migliore: ho imparato da Pedrosa, Lorenzo e Rossi"

Share


Per staccare un po’ dagli allenamenti  Marc Marquez, assieme al fratello Alex, è andato allo stadio per seguire la partita tra Atlético Madrid e FC Barcelona.

L’ex iridato è stato intercettato dai microfoni di DAZN Spagna, che lo segue passo passo, e ovviamente si è parlato di MotoGP.

Alla insistente domanda su quale sarà il suo futuro Marc ha risposto con sincerità.

"Mi fido ancora della Honda al 100%. È la casa che mi ha dato tutti e sei i titoli in MotoGP, non è poco. È vero che ci siamo trovati in una situazione difficile con il mio infortunio e il team è andato un po' fuori rotta. Ma mi fido completamente di loro".

Marquez ha ribadito la fiducia nelle capacità ingegneristiche nei confronti del primo costruttore di moto al mondo.

“Ho fiducia che costruiranno una buona moto e ovviamente io mi devo far trovare preparato al massimo per poter lottare per il mondiale - ha ribadito il fuoriclasse di Cervera - è il mio obiettivo e quello di Honda e di tutta la squadra. Per raggiungere l’obiettivo dobbiamo essere tutti uniti".

Marquez ha poi ricevuto il supporto di Jorge Lorenzo, che di DAZN è opinionista.

 "Io e Jorge abbiamo sempre avuto un grande rispetto reciproco, ho imparato molto da lui. Per me è stato un punto di riferimento, come Dani Pedrosa, come Valentino Rossi... Sono stato in grado di competere con loro, di batterli, ma soprattutto ho imparato ciò che è più importante: a volte non basta essere il migliore. Devi essere il più completo, il più veloce, il più intelligente, usare l'esperienza e poi avere anche la squadra e la moto per lottare per un campionato del mondo".
 

GUARDA IL VIDEO

Articoli che potrebbero interessarti